Territori

Quattro società in lizza per finanziare il gasdotto Cipro-Egitto

gas

Egitto e Cipro hanno firmato il mese scorso l’accordo intergovernativo per la costruzione dell’infrastruttura sottomarina

Quattro grandi società di investimento hanno espresso il loro interesse per la costruzione di un gasdotto per il trasporto di gas naturale da Cipro all’Egitto. Lo ha riferito Bloomberg.

GLI INVESTITORI HANNO CHIESTO INFORMAZIONI SUI PROGRESSI DEL GIACIMENTO APHRODITE

Gli investitori hanno chiesto al governo cipriota ulteriori informazioni sui progressi del giacimento Aphrodite, la cui produzione di gas dovrebbe essere acquista da Royal Dutch Shell Plc per i suoi impianti in Egitto, ha detto Sofronis Papageorgiou, responsabile degli affari commerciali presso l’ambasciata cipriota in Israele, che tuttavia ha rifiutato di rivelare i nomi delle aziende. L’interesse dei potenziali investitori è “un altro segno che le cose si stanno muovendo in una direzione positiva”, ha confermato Papageorgiou.

EGITTO E CIPRO HANNO FIRMATO IL MESE SCORSO L’ACCORDO INTERGOVERNATIVO PER LA COSTRUZIONE DI UN GASDOTTO SOTTOMARINO

Egitto e Cipro hanno firmato il mese scorso l’accordo intergovernativo per la costruzione del gasdotto sottomarino per l’esportazione di gas verso le coste egiziane. Si stima che l’infrastruttura costerà tra gli 800 milioni e 1 miliardo di dollari, ha detto il ministro egiziano del petrolio Tarek El Molla a maggio scorso. L’accordo ha lo scopo di facilitare la costruzione del gasdotto dal giacimento Aphrodite fino alle coste egiziane e poi all’impianto Gnl di Idku, per il quale i proprietari del consorzio – Shell, Noble Energy e Delek Drilling – proseguono i contatti per la stipula del contratto.

SI STIMA CHE APHRODITE CONTENGA CIRCA 130 MILIARDI DI METRI CUBI DI GAS

Il giacimento di Aphrodite, il primo nelle acque cipriote, ma non è stato sviluppato dalla sua scoperta nel 2011 e si stima che contenga circa 130 miliardi di metri cubi di gas. Ci sono ancora ostacoli da superare prima che le aziende energetiche firmino l’accordo. I partner di Aphrodite stanno rinegoziando il livello di royalties con il governo. Inoltre, Israele e Cipro stanno cercando di risolvere una disputa sulla definizione del confine tra Aphrodite e il vicino bacino israeliano. I ministeri dell’Energia dei due paesi stanno facendo progressi per cercare di evitare un arbitrato internazionale che potrebbe ritardare una soluzione, ha detto Papageorgiou a Bloomberg. “C’è un buon clima tra le squadre – ha detto -.Le discussioni non sono aggressive e tutti hanno buone intenzioni”.