Scenari

Gnl, prezzi più alti per colpa del Mozambico. Il report Rystad Energy

Gnl

Il potenziale ritardo dei progetti mozambicani scopre il rischio di un periodo prolungato di rigidità a metà di questo decennio con un ribasso dei prezzi del Gnl uno o due anni dopo rispetto a quanto previsto in precedenza.

Il mercato globale del gas naturale liquefatto (Gnl), che era destinato ad un costane allentamento nella seconda parte di questo decennio, è invece destinato a diventare più ‘ristretto’ e potrebbe persino registrare deficit annuali di fornitura a causa di probabili ritardi nello sviluppo dei progetti Gnl in Mozambico per via del peggioramento della situazione della sicurezza nel paese. È quanto rivela un rapporto di Rystad Energy.

LA QUESTIONE MOZAMBICO

Il Mozambico era in procinto di classificarsi tra i più importanti produttori globali di Gnl entro la metà di questo decennio, “ma la recente dichiarazione di forza maggiore di Total segnala ritardi indefiniti sul campo onshore Mozambico LNG. Le violente insurrezioni minacciano anche Rovuma LNG di ExxonMobil. Insieme, i due progetti rappresentano 28 milioni di tonnellate all’anno (tpa) di capacità di Gnl”, ammette Rystad Energy.

A RISCHIO 9 MILIONI DI TONNELLATE L’ANNO

Il mercato potrebbe registrare fino a 9 milioni di tonnellate all’anno in meno tra il 2026 e il 2030, sconvolgendo gli equilibri globali. Rystad Energy aveva previsto in precedenza un mercato ampiamente bilanciato nel 2026, ma ora potrebbe esserci una maggiore concorrenza per i volumi disponibili quell’anno, portando a un rischio al rialzo dei prezzi e a una maggiore volatilità dei prezzi.

PIU’ EQUILIBRIO NEL 2027-2028 SENZA ROVUMA LNG

Allo stesso modo, le condizioni di mercato allentate del 2027-2028 che la società di consulenza energetica aveva originariamente previsto “potrebbero diventare più equilibrate se i 15,2 milioni di tpa di capacità potenziale di Rovuma LNG non fossero disponibili. Infine, tra il 2029 e il 2030, il mercato potrebbe restringersi di nuovo e affrontare deficit di offerta a causa di un aumento previsto della domanda globale di Gnl, visto che Rovuma LNG potrebbe raggiungere la produzione di plateau solo dopo il 2030”.

“La rivolta in corso nella regione di Cabo Delgado, sebbene inizialmente sembrasse gestibile, sembra aver intaccato i sogni di gas liquefatto del Mozambico. Ora ci aspettiamo che Total inizi la produzione solo nel 2026. Rovuma LNG potrebbe subire un ritardo sufficiente a significare che verrà portato in funzione solo intorno al 2029″, ha affermato Kaushal Ramesh, analista del settore LNG in Rystad Energy.

ECCESSO DI OFFERTA DI SOLI 4 MLN DI TPA NEL 2026

“Nella nostra previsione aggiornata, che tiene conto dei ritardi nei due progetti in Mozambico, ci aspettiamo ora un eccesso di offerta di 4 mtpa nel 2026, in calo rispetto alla nostra precedente previsione per 6,4 mtpa. L’impatto dei ritardi crescerà nel 2027, facendo sì che l’eccesso di offerta previsto si riduca a 11 mtpa dai 15,9 mtpa previsti in precedenza. Il downgrade più grande è per il 2028, con l’eccesso di offerta limitato a solo 1 mtpa, in calo da 9,3 mtpa nella nostra previsione precedente”, ha spiegato Rystad Energy.

“Se i ritardi previsti si concretizzeranno, il 2029 vedrà un deficit di fornitura di Gnl di 5,6 mpta invece di un surplus previsto in precedenza di 2 mtpa. L’effetto persisterà ma inizierà ad attenuarsi a partire dal 2030, con un deficit di offerta previsto di 1,7 mtpa invece di un surplus di 1 mtpa”, ha chiarito la società di consulenza nella sua analisi.

EFFETTO SUI PREZZI DEL GNL

I ritardi sia per Mozambico LNG che per Rovuma LNG “sono notizie che fanno riflettere sia per gli acquirenti che per i venditori di Gnl. Il Mozambico dispone di un’ampia base di risorse a basso costo, il che rende i suoi progetti di gas liquefatto altamente competitivi e il paese si trova in una posizione comoda per soddisfare la domanda imminente in Asia. Stimiamo che i break-even dei progetti Gnl del Mozambico oscillino tra 5 e 7 dollari per Mmbtu”, si legge nel report.

Mozambico LNG è sostenuto da contratti a lungo termine che coprono oltre l’85% della sua capacità produttiva. I suoi clienti di base includono sia gli utenti finali che i player del portfolio. “Con la produzione che ora dovrebbe iniziare nel 2026, gli acquirenti potrebbero dover cercare altre fonti di approvvigionamento. È probabile che ciò crei una pressione al rialzo sui prezzi” e “chi non ha una copertura contrattuale a lungo termine rischia di dover acquistare da un mercato spot sempre più volatile”.

INASPRIMENTO DEL MERCATO DEL GNL DA QUI AL 2024

Più in generale, Rystad Energy prevede “un inasprimento del mercato del Gnl da qui al 2024 poiché la domanda continuerà a crescere, guidata dalla nuova capacità di rigassificazione e da una maggiore produzione di energia a gas, con i prezzi spot asiatici che raggiungeranno gli 8,5 dollari per MMBtu. Con una solida pipeline di progetti di liquefazione in costruzione, in precedenza ci aspettavamo che una nuova ondata di forniture in arrivo sul mercato intorno al 2025 avrebbe creato un ciclo al ribasso dei prezzi, con il prezzo spot asiatico che sarebbe sceso a un livello più vicino al costo marginale di breve periodo del Gnl statunitense di 5,7 dollari per MMBtu nel 2027”.

Tuttavia, il potenziale ritardo dei progetti mozambicani “significa che ora c’è un rischio crescente di un periodo prolungato di rigidità a metà di questo decennio e che il ribasso dei prezzi potrebbero arrivare uno o due anni dopo rispetto a quanto previsto in precedenza. Di conseguenza, i prezzi spot asiatici potrebbero rimanere al di sopra di 8 dollari per MMBtu nel 2025. Il rischio di ribasso dei prezzi tra il 2026 e il 2029 è ridotto anche da un mercato più equilibrato: mentre ci aspettiamo ancora che i prezzi scendano, c’è una maggiore probabilità che lo facciano rimanere al di sopra di 6 dollari per MMBtu nel 2027”, ha concluso Rystad Energy.