Energie del futuro

Idrogeno, i governi devono fare la loro parte. Parola di IPHE

idrogeno

Per raggiungere gli obiettivi del 2050, l’idrogeno deve aumentare di sette volte rispetto ad oggi

Il ruolo futuro dell’idrogeno come bene in Europa richiederà un massiccio aumento di progetti e tecnologia, con i governi che dovranno fare la loro parte nello stimolare la domanda. Lo hanno affermato gli stakeholder di industria, governo e della comunità degli investitori nel corso di in una tavola rotonda IPHE (International Partnership for Hydrogen and Fuel Cells in the Economy, un’iniziativa di collaborazione internazionale per lo sviluppo e la diffusione delle tecnologie dell’idrogeno).

BIROL: SERVE CRESCITA DI 7 VOLTE IL LIVELLO ATTUALE

Il clamore intorno all’idrogeno deriva principalmente dalle ambizioni che si hanno nell’energia pulita e grazie alla sua versatilità, ha affermato Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Agenzia internazionale per l’energia, in occasione del forum,raccontato da S&P Global Platts: “Per raggiungere gli obiettivi del 2050, l’idrogeno deve aumentare di sette volte rispetto ad oggi – ha precisato Birol -. Ciò darebbe all’idrogeno una quota del 10-15% del consumo totale di energia”.

BRINTON (SHELL): OCCORRE INCENTIVARE LA DOMANDA

Trasformare l’idrogeno in un nuovo bene globale comporterà una trasformazione totale del sistema, ha affermato Elisabeth Brinton, vicepresidente esecutivo di Shell New Energies. “Bisogna incentivare la domanda”, ha proseguito Brinton, sottolineando come il progetto dell’elettrolizzatore della raffineria Rheinland da 10 MW di Shell decarbonizzerà il processo di raffinazione, ma fornirà anche energia rinnovabile intermittente per aiutare a bilanciare la rete.

SCRENCI (TOTAL): LA VERA SFIDA È LA STRATEGIA A LUNGO TERMINE

Creare un mercato per l’idrogeno significa creare un valore per il carbonio e, in definitiva, avviare progetti su larga scala, ha affermato Adamo Screnci, VP Clean Hydrogen Business Unit di Total. “La capacità di gigawatt non è un problema. Non è un grosso problema se si ha la domanda – ha detto Screnci -. I costi scenderanno. Portare i progetti su larga scala e ottenere i finanziamenti sarà la parte facile. L’esecuzione e l’attuazione della strategia a lungo termine e la ricerca di valore a lungo termine saranno la vera sfida”, ha evidenziato.

FEICHT (GERMANIA): GOVERNO STIMOLERÀ LA DOMANDA

Da parte del governo, spendere soldi lungo la catena del valore e creare politiche volte a stimolare la domanda sarà fondamentale per ottenere i risultati promessi in strategie di vasta portata, ha affermato Andreas Feicht, segretario di stato per l’energia del Ministero federale tedesco per gli affari economici e l’energia.

Dopo il lancio della sua strategia sull’idrogeno a giugno, l’obiettivo della Germania è quello di realizzare un mercato interno con 7 miliardi di euro di investimenti, basato su fonti di idrogeno rinnovabile. Circa il 40% del denaro andrà alle capacità di produrre idrogeno verde tramite elettrolizzatori da fonti rinnovabili, ha affermato Feicht.
Altri soldi saranno spesi per le infrastrutture, incluso l’adeguamento dei gasdotti esistenti per accogliere l’idrogeno, insieme a soldi spesi per i settori dell’acciaio e della mobilità che necessitano tutti di aiuto tecnologico per stimolare la domanda di idrogeno.

Dobbiamo ridurre i costi degli elettrolizzatori e contribuire a ottenere effetti di ridimensionamento per raggiungere 5 GW entro il 2030 e altri 5 GW entro il 2035″, ha affermato Feicht.
“L’idrogeno verde è l’unica soluzione sostenibile a lungo termine. Altre opzioni come il blu e il turchese giocheranno un ruolo nei mercati tedesco e dell’Ue, ma devono essere neutrali ai gas serra”.

PROSPETTIVA DI TRADING GLOBALE: IL RUOLO DELLE CERTIFICAZIONI

Dal punto di vista del commercio globale, spostare l’idrogeno in tutto il mondo implica la costruzione di un solido schema di certificazione, basato su emissioni misurabili e l’idrogeno come merce, ha affermato Alan Finkel, capo scienziato del governo australiano.

Uno schema di certificazione consentirebbe un commercio tra i paesi, ha detto Finkel. “Dobbiamo andare oltre la definizione cromatica dell’idrogeno. L’unica cosa che conta sono le emissioni in atmosfera. Nient’altro importa”.

Diversi paesi stanno già creando flussi commerciali, tra cui Australia, Giappone e Arabia Saudita.

Il Medio Oriente è ancora nella fase iniziale di sviluppo e non nella fase dell’Australia come mercato di esportazione o dell’Europa come utente, ha affermato Robin Mills, CEO di Qamar Energy.

Tre paesi – Oman, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti – hanno tutti seri ambizioni per l’idrogeno, ha ammesso Mills aggiungendo che il progetto NEOM di Air Products e Acwa Power in Arabia Saudita ha un “profilo di costo eccezionale che lo ha aiutato ad andare avanti”.