Scenari

Idrogeno verde, Irena traccia il percorso. Il report

Idrogeno

Se si adottassero le raccomandazioni di Irena il prezzo dell’ idrogeno verde potrebbe scendere al di sotto dei 2 dollari al kg entro un decennio

L’idrogeno prodotto con elettricità rinnovabile potrebbe competere sul piano dei costi con i combustibili fossili entro il 2030 sempre che i costi dell’energia solare ed eolica continuino a diminuire e le economie di scala riducano i costi per gli elettrolizzatori. È quanto emerge dal rapporto intitolato “Riduzione dei costi dell’idrogeno verde: aumentare gli elettrolizzatori per raggiungere l’obiettivo climatico di 1,5 gradi”, preparato dall’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili IRENA.

IL RAPPORTO SI CONCENTRA SU COSTI DEGLI ELETTROLIZZATORI, REGOLAMENTI E MERCATO

Il rapporto considera i driver dell’innovazione e offre strategie che i governi possono utilizzare per ridurre il costo degli elettrolizzatori del 40% a breve termine e fino all’80% a lungo termine.

Mentre l’idrogeno verde ha ricevuto molta attenzione per il suo potenziale ruolo nelle strategie di decarbonizzazione, i regolamenti, la progettazione del mercato e i costi di produzione di energia e elettrolizzatori rimangono gli ostacoli principali all’ampia espansione di un mercato dell’idrogeno verde, afferma la IRENA.

Tuttavia, l’idrogeno verde prodotto da risorse energetiche pulite è promettente laddove l’elettrificazione diretta è una sfida in “settori più difficili da abbattere, come l’acciaio, i prodotti chimici, i trasporti a lungo raggio, la navigazione e l’aviazione”, secondo la dichiarazione.

LA CAMERA: IDROGENO RINNOVABILE UN PUNTO DI SVOLTA NELLA DECARBONIZZAZIONE

“L’idrogeno rinnovabile può essere un punto di svolta negli sforzi globali per decarbonizzare le nostre economie”, ha affermato Francesco La Camera, direttore generale di IRENA, aggiungendo che “livellare il campo di gioco per colmare il divario di costo tra i combustibili fossili e l’idrogeno verde è necessario”.

L’ESEMPIO DEL CANADA

Ad esempio, il Canada ha presentato una strategia per l’idrogeno mirata a diventare uno dei primi tre produttori mondiali di carburante a basse emissioni entro il 2050. Il paese nordamericano investirà 1,5 miliardi di dollari canadesi in un fondo per i combustibili a basse emissioni di carbonio e zero emissioni che include anche l’idrogeno.

Il paese potrebbe produrre più di 20 milioni di tonnellate all’anno di idrogeno pulito a un prezzo compreso tra 1,50 e 3,50 dollari canadesi al kg. Il governo ha stimato che a quel livello di produzione di idrogeno ci sarebbe una riduzione annuale di ben 190 Mt / a di emissioni equivalenti di anidride carbonica.

COSTI DELL’IDROGENO

Secondo IRENA, l’idrogeno verde è attualmente due o tre volte più costoso dell’idrogeno blu, prodotto da combustibili fossili in combinazione con la cattura e lo stoccaggio del carbonio, o CCS.

I costi di produzione dell’idrogeno verde sono determinati dai prezzi dell’elettricità rinnovabile, dal costo di investimento dell’elettrolizzatore e dalle sue ore di funzionamento, ha affermato l’Agenzia nel report.

Le energie rinnovabili sono già diventate la fonte di energia più economica in molte parti del mondo, con aste che raggiungono prezzi record al di sotto di 20 dollari / MWh, e visto che l’elettricità a basso costo è una condizione necessaria per l’idrogeno verde competitivo, Irena riconosce che anche i costi di investimento per gli impianti di elettrolisi stanno calando in modo significativo.

Secondo IRENA, “nella migliore delle ipotesi”, l’utilizzo di elettricità rinnovabile a basso costo a 20 dollari / MWh in “grandi impianti di elettrolisi competitivi” potrebbe produrre idrogeno verde a un costo competitivo con l’idrogeno blu già oggi.

IDROGENO VERDE COMPETITIVO GIA’ ENTRO IL 2030

Se nel prossimo decennio si verificherà un rapido aumento di scala e una distribuzione aggressiva di elettrolizzatori, l’idrogeno verde potrebbe quindi iniziare a competere sui costi con l’idrogeno blu entro il 2030 in molti paesi, rendendolo più economico rispetto ad altre alternative a basse emissioni di carbonio prima del 2040, evidenzia l’analisi di IRENA.

L’agenzia ha affermato che se le sue raccomandazioni fossero adottate, in termini di prezzo, l’idrogeno verde risultante potrebbe scendere al di sotto di 2 dollari / kg entro un decennio.

“Ma arrivarci dipende dalla definizione del giusto modello di business, dalla creazione di mercati e dall’ottimizzazione della catena di approvvigionamento in modo che sia i paesi sviluppati che quelli in via di sviluppo, allo stesso modo, possano godere della transizione verso un sistema energetico pulito e resiliente”, ha affermato La Camera nell’introduzione del rapporto.