Advertisement vai al contenuto principale
Gaza

Israele taglia l’elettricità di Gaza: tutte le conseguenze

E’ trascorsa quasi una settimana dagli attacchi di Hamas a Israele. Tel Aviv ha deciso da qualche giorno di avviare pesanti ritorsioni su Gaza, tra cui il taglio della rete elettrica, energetica e idrica. L’analisi del professor Rettig (Bar Ilan University, Israel)

Si avvia alla conclusione la prima settimana di guerra, o meglio del nuovo episodio bellico, tra Israele e Hamas. Le tensioni proseguono e aumentano sotto ogni profilo, anche energetico. Mentre il governo Netanyahu ha ottenuto l’appoggio di Benny Gantz per un esecutivo di emergenza per preparare l’attacco a Gaza, è già stato dato mandato di interrompere ogni approvvigionamento idrico ed elettrico al territorio controllato dal gruppo terroristico islamista.

Le conseguenze di queste ritorsioni le ha messe in luce il professor Elai Rettig dell’università di Bar Ilan partendo dai dati ufficiali, condivisi tra l’altro dall’Ocha (vedi mappa di copertina), l’Osservatorio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari.

CHI FORNISCE ENERGIA A GAZA

E’ difficile parlarne con cognizione di realtà, ma in tempo di pace è proprio Israele a fornire la metà del fabbisogno energetico a Gaza, gratuitamente. Per un ulteriore 25%, invece, l’approvvigionamento arriva da una centrale elettrica indipendente alimentata a diesel.

“Il resto – ricorda il prof. Rettig – viene generato attraverso un vasto dispiegamento di generatori diesel privati ​​e una delle maggiori quote di pannelli solari fotovoltaici sui tetti del mondo”.

LE RITORSIONI DEL PASSATO E LE SOLUZIONI

Non è certo la prima volta che tra le tante conseguenze delle tensioni sulla Striscia ci si trova a parlare delle ritorsioni energetiche. “Israele – ricorda il fondo di soccorso per i bambini palestinesi Pcrf – controlla tutti gli accessi dentro e fuori dalla Striscia di Gaza, usando quel controllo per limitare le forniture, gli aiuti umanitari e persino l’elettricità che entra a Gaza”.

Tra le contromosse che stanno arrivando dalla Striscia, aggiunge Rettig ricordando che le tensioni sono così frequenti che la media di elettricità di Gaza è di quattro ore al giorno, ci sono soluzioni indipendenti di “chi può permetterselo”. Tra queste, generatori diesel e pannelli solari. Addirittura, spiega il professore, “in senso tattico, i bunker sotterranei e il quartier generale di Hamas probabilmente avranno ancora elettricità perché avrebbero immagazzinato carburante diesel per i mesi a venire”.

LE CONSEGUENZE DELLO STOP ELETTRICO A GAZA

Quanto agli impatti più importanti di questo ennesimo intervento israeliano sulla rete di Gaza, quello maggiore “riguarderà principalmente l’approvvigionamento idrico, la desalinizzazione dell’acqua e il trattamento delle acque reflue a Gaza, che necessita di una fornitura di elettricità per funzionare e può creare una crisi se non affrontata alla fine”.

Ovviamente ci sono da considerare tutte le conseguenze umanitarie di questa mossa di Tel Aviv. Come riportato anche dal Guardian, il ministro dell’Energia, Israel Katz, ha scritto sui social media che nessun “interruttore elettrico sarà acceso, nessun idrante sarà aperto e nessun camion di carburante entrerà” finché i “rapiti” non saranno liberi.

 

– Leggi anche: Tutto su Tamar, il giacimento di gas fermato da Israele

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su