Fact checking e fake news

La Polonia proporrà una riforma dell’ETS se la pandemia dovesse prolungarsi

Co2

La pandemia può creare due possibili scenari: Un indebolimento delle economie europee in grado di portare a costi ETS relativamente più elevati. O un surplus di quote EUA e un calo dei prezzi

La Polonia proporrà modifiche al sistema di scambio di quote di emissioni dell’Ue se la pandemia di coronavirus dovesse prolungarsi e colpire le economie europee per un lungo periodo. Ad annunciarlo è stato il Ministero del clima del paese europeo.

DUE POSSIBILI SCENARI

Il ministero ha affermato che la pandemia può creare due possibili scenari. Il primo è un indebolimento delle economie europee in grado di portare a costi ETS relativamente più elevati. Il secondo è un surplus di quote EUA e un conseguente calo del prezzo.

LA PROPOSTA POLACCA

“Se la difficile situazione economica persisterà, il governo polacco proporrà alla Commissione europea l’introduzione di soluzioni ad hoc per migliorare la situazione”, ha scritto il ministero rispondendo a una domanda dell’agenzia di stampa statale PAP sulla crisi e sui costi del sistema di abbattimento della Co2.

PREZZO CO2 IN CALO

La Polonia genera circa tre quarti della sua elettricità dal carbone. L’aumento dei prezzi del carbonio è stato un fattore significativo che ha influito sulla redditività della centrale a carbone del paese. Di recente il prezzo delle quote è fortemente diminuito, scambiato a 16,10 euro / ton, in calo del 30% in una settimana.

PER IL MINISTRO KOWALSKI L’ETS DOVREBBE ESSERE ABOLITO DAL GENNAIO 2021

Questa non è la prima volta che il governo solleva la possibilità di riformare il sistema ETS per mitigare l’impatto della diffusione del virus. Il viceministro delle risorse statali Janusz Kowalski ha scritto un tweet: “Come aiutare l’economia europea, e soprattutto quella polacca, durante una pandemia? La riforma dell’ETS dell’UE è necessaria – i prezzi delle quote di CO2 sono aumentati da 5 a 30 euro. La Polonia e altri stati dovrebbero prendersi cura del clima da soli e l’ETS dovrebbe essere abolito dal gennaio 2021”.