Fact checking e fake news

La Russia si sta preparando silenziosamente per un’estensione dell’accordo OPEC+

Il numero uno di Rosneft Sechin si aspetta che l’Arabia Saudita cerchi una proroga perché il bilancio del Regno si basa su un prezzo del petrolio di 85 dollari al barile. Il vertice previsto per il 25-26 giugno, ma sono emerse notizie secondo cui Mosca vorrebbe un rinvio dell’incontro al 3-4 luglio

Il più grande produttore di petrolio della Russia Rosneft sta tenendo una serie di colloqui con il governo russo per cercare di ottenere delle compensazioni alle possibili perdite nel caso OPEC ed i relativi partner non OPEC decidano di estendere il taglio di produzione petrolifera alla fine dell’anno. A rivelarlo è stato il numero uno dell’azienda russa Igor Sechin.

ROSNEFT PRONTA A DISCUTERE POSSIBILI COMPENSAZIONI PER LE PERDITE DAI SUOI PROGETTI

rosneftRosneft non intende, infatti, rinviare l’avvio di nuovi progetti, ma si atterrà alle decisioni sull’accordo di produzione OPEC+, e allo stesso tempo discuterà le possibili compensazioni per le perdite, se ci saranno perdite dai suoi progetti, ha detto all’agenzia di stampa russa TASS Sechin durante l’assemblea annuale degli azionisti di Rosneft.

PER SECHIN USA PRONTI A TRARRE VANTAGGIO DA ESTENSIONE ACCORDO OPEC+

Sechin – che ha criticato il coinvolgimento della Russia nell’ambito dell’Opec+ – ha messo in discussione la logica russa di attenersi ai tagli, sostenendo che gli Stati Uniti potrebbero trarne vantaggio sottraendo quote di mercato a Mosca nel caso in cui l’accordo Opec+ venisse esteso. In una riunione del 1° marzo, le compagnie petrolifere russe avevano comunque concordato all’unanimità che avrebbero rispettato i loro impegni e avrebbero tagliato la produzione come concordato fino alla scadenza dell’attuale accordo alla fine di giugno, ha detto Vagit Alekperov, presidente e CEO del produttore russo di petrolio Lukoil, all’inizio di quest’anno.

SECHIN SI ASPETTA UNA PROROGA VISTO CHE IL BISOGNO CHE HA L’ARABIA SAUDITA

Alla riunione annuale di Rosneft, Sechin ha detto che si aspetta che l’Arabia Saudita cerchi una proroga perché il bilancio del Regno si basa su un prezzo del petrolio di 85 dollari al barile. L’OPEC e i suoi alleati non OPEC guidati dalla Russia dovrebbero discutere il destino dell’accordo sul taglio della produzione il 25-26 giugno, ma sono emerse notizie secondo cui Mosca vorrebbe un rinvio dell’incontro al 3-4 luglio: un’idea che avrebbe il sostegno dell’Arabia Saudita ma non dell’Iran e di altri paesi, in disaccordo con lo spostamento del vertice.

PREZZI DEL PETROLIO GIÙ DEL 13% NELLE ULTIME SETTIMANE, RIAD PRONTA A INTERVENIRE CON LE SCORTE

Nel frattempo, l’Arabia Saudita ha cercato di arrestare la caduta del prezzo del petrolio negli ultimi giorni, ribadendo che il Regno e l’OPEC avrebbero fatto “tutto il necessario” per riequilibrare il mercato del petrolio “attingendo le scorte dai loro livelli attualmente elevati”, ha detto il ministro dell’energia dell’Arabia Saudita Khalid al-Falih. I prezzi del petrolio sono crollati di oltre il 13 per cento nelle ultime due settimane, un calo che al-Falih ritiene essere “ingiustificato” aggiungendo che c’è un “consenso emergente tra i paesi OPEC+, per continuare il loro lavoro verso la stabilità dei mercati nella seconda metà dell’anno”.

PER GOLDMAN SACHS I PREZZI POSSONO RIPRENDERSI ANCHE SE CON UNA MAGGIORE VOLATILITÀ

Alla domanda sull’escalation della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, così come la prospettiva di un’altra guerra commerciale tra Stati Uniti e Messico, e il conseguente effetto a catena di un rallentamento dell’economia globale sulla domanda di petrolio, al-Falih ha riconosciuto il possibile impatto negativo di questi fenomeni. “Ma si può essere sicuri che saremo reattivi”, ha ammesso. Probabilmente i tagli verranno quindi mantenuti anche se prospettive di interruzioni dell’approvvigionamento, la prospettiva di ulteriori perdite in Venezuela, Iran e Libia mitigherà anche l’eventuale surplus. Goldman Sachs ha infatti evidenziato che i prezzi “possono riprendersi da qui”, anche se con una maggiore volatilità. La grande domanda ora è quanto inciderà la guerra commerciale sulla domanda e, più in generale, su quanto rallenta l’economia globale. La banca d’investimento dice che ci sono tre grandi fattori che possono produrre “sviluppi sbagliati” nel mercato del petrolio – “il decongestionamento permiano, la risposta dell’offerta dei produttori a basso costo e il cambiamento IMO 2020 nella regolamentazione dello zolfo nei bunker”. Come risultato di ciò, Goldman vede il Brent scendere da 72,50 dollari nel secondo trimestre a 65,50 dollari nel terzo trimestre, per poi scendere a 60 dollari al barile l’anno prossimo.