Territori

Lgh: sul tavolo del Nuovo piano industriale investimenti ‘green’

lgh

Nei due pilastri del piano di Lgh economia circolare e una maggiore sinergia con le strategie industriali della capogruppo A2A

“Sarà un piano industriale orientato alla crescita nel comparto del bioenergy, con un impegno sui dossier dell’efficientamento energetico e dell’aggregazione delle utility della fascia meridionale della Lombardia, quello licenziato ieri dal board di Lgh”. È quanto riporta il Corriere della Sera edizione Brescia dando conto dei due pilastri su cui da qui al 2024 la controllata di A2A, attiva nelle provincie di Cremona, Lodi, Pavia e Brescia, intende concentrare la sua attenzione.

I DUE PILASTRI DEL PIANO

I due pilastri sono “l’incremento delle soluzioni ispirate alle logiche dell’economia circolare attraverso ulteriori investimenti in impianti di trattamento delle biomasse, della frazione organica della raccolta differenziata e del mini idroelettrico, e una maggiore sinergia con le strategie industriali della capogruppo, attraverso un nuovo modello di partnership che prevederà anche operazioni di M&A sul territorio (sono a oggi una trentina le iniziative di acquisizione e fusione in fase di valutazione)”, prosegue il quotidiano.

IL PRESIDENTE BONTEMPI: VOGLIAMO ESSERE UNA UTILITY GREEN

“Dal punto di vista finanziario, Lgh valuta investimenti nel quadriennio per 172 milioni di euro sui capitoli ambiente, reti e calore ed efficienza energetica mirati al raggiungimento di un Ebitda nel 2024 di 63,8 milioni di euro. ‘Alla nostra storica vocazione di vicinanza ai territori — commenta il presidente di Lgh Giorgio Bontempi — affianchiamo oggi con forza una seconda e nuova vocazione perché vogliamo con determinazione valorizzare un’importantissima seconda identità, ovvero quella di essere l’utility green capace di dialogare con ancora maggiore intensità con tutte le realtà locali che vedono e credono nelle soluzioni create dalle nuove tecnologie per rispettare l’ambiente circostante ed i territori’”, ha evidenziato ancora il quotidiano.

L’AD SANNA: VERSO IL 2024 CON UNA VISIONE CONCRETA E CAPACE DI CREARE VALORE

“Aggiunge l’ad Claudio Sanna: ‘La prospettiva è quella di comunità capaci di rispondere alle sfide energetiche anche dall’interno, con elevata autonomia, per sopperire a fattori imprevedibili, come l’epidemia Covid-19 in corso ci sta purtroppo insegnando. Andiamo verso il 2024 con una visione concreta e capace di creare valore’”, ha concluso il quotidiano.