Territori

Libia, il giacimento di El Feel ancora fuori gioco

Libia

Il giacimento della Libia chiuso a causa del blocco illegale di una valvola su un oleodotto per l’esportazione di petrolio

Per la seconda volta in due settimane, il giacimento petrolifero libico di El Feel è stato chiuso, a causa del blocco illegale di una valvola su un oleodotto per l’esportazione di petrolio. Lo ha riferito la stessa la National Oil Corporation (NOC) libica.

EL FEEL È IN JV CON ENI

Il campo El Feel – gestito da Mellitah Oil and Gas, joint venture tra National Oil Corporation (NOC) e Eni – che produce 73 mila barili al giorno è stato chiuso a metà della scorsa settimana a causa di una serie di raid aerei scaturiti dopo che l’esercito nazionale libico (LNA), guidato da Khalifa Haftar, ha reagito contro le forze fedeli al governo libico di Tripoli che avevano ripreso il controllo del giacimento petrolifero nel sud-ovest.

LA SCORSA SETTIMANA ERA STATO CHIUSO PER UN RAID AEREO

“La produzione rimarrà chiusa fino a quando l’attività militare non cesserà e tutto il personale militare si ritirerà dall’area delle operazioni di NOC”, aveva detto il presidente della compagnia petrolifera Mustafa Sanalla dopo gli attacchi aerei sul El Feel. Il giorno successivo, lo stop dell’attività militare, aveva portato a una ripresa della produzione
Un giorno dopo, l’attività militare sul campo si è fermata e la produzione è ripresa, ha detto il NOC, con Sanalla che ha notato che i giacimenti petroliferi libici sono fonti vitali di reddito per il paese e che i campi “non devono essere trattati come obiettivi militari”.

SANALLA: SI TENTA DI DANNEGGIARE L’ECONOMIA LIBICA

Riferendosi all’interruzione della produzione di queste ore, Sanalla ha affermato trattarsi “di un altro tentativo criminale di disturbare il lavoro di NOC e di danneggiare l’economia libica. Invitiamo i leader locali e le autorità della zona ad identificare i colpevoli”.

COME VA LA PRODUZIONE LIBICA

La produzione petrolifera libica è stata particolarmente volatile in primavera e in estate dopo Haftar – le cui forze che controllano la maggior parte dei giacimenti petroliferi libici – ha ordinato all’inizio di aprile il suo esercito nazionale libico di marciare sulla capitale Tripoli. Due interruzioni nel più grande giacimento petrolifero, Sharara, in un mese hanno costretto la produzione di petrolio libica a scendere sotto il milione di bpd nella prima settimana di agosto, il livello più basso degli ultimi cinque mesi.

La produzione libica si è stabilizzata ed persino aumentata a settembre e ottobre, raggiungendo rispettivamente 1,16 milioni di bpd e 1,167 milioni di bpd, secondo i dati dell’OPEC. La Libia è esentata dai tagli di produzione dell’OPEC+ a causa della sua fragile situazione di sicurezza.