Short News

L’inquinamento fa 9 milioni di morti l’anno

pollution

Identificato in una ricerca come “killer” del nostro tempo, l’inquinamento sta raggiungendo picchi preoccupanti per la vita delle persone

 

C’è troppo inquinamento. 40 scienziati internazionali che hanno utilizzato i dati dello studio Global Burden of Disease dell’Istituto per le Metrici e la Valutazione della Salute presso l’Università di Washington, hanno lanciato l’allarme: l’inquinamento ha causato nove milioni di morti, in particolare l’aria sporca è colpevole di 6,5 milioni di casi di decessi. Lo smog proveniente dalle centrali elettriche, dai veicoli, dalle fabbriche, così come l’uso di stufe interne, utilizzate per lo più nei paesi poveri e pulite male provoca, nella maggior parte dei casi, la morte.

Philip Landrigan, professore del Mount Sinai, la Scuola di Medicina di Icahn, negli USA, ha affermato che l’inquinamento è più di una semplice sfida ambientale: esso è una minaccia profonda e pervasiva, che colpisce molti aspetti del benessere e della salute umana.

indiaLa ricerca ha rilevato che il 92% circa delle morti a causa dell’inquinamento si verifica nei paesi poveri o di reddito medio, come India, Pakistan, Cina, Madagascar, Bangladesh, in cui l’inquinamento è legato a quasi un quarto delle vittime totali del paese.

Il punto è, secondo quanto dice la professoressa di biostatistica Francesca Dominici, della Harvard T.H. Chan School of Public Health, nella sua relazione presso la Commissione della rivista medica The Lancet, che “la barriera principale è quella politica, non quella scientifica. Ridurre l’inquinamento significa affrontare i potenti interessi di interesse, che spesso ostacolano gli sforzi governativi per stabilire norme, imporre tassi di inquinamento, applicare leggi e regolamenti”.

Puntare su gas e rinnovabili, avviando una vera e propria transizione energetica, è un primo passo per una soluzione definitiva.