skip to Main Content

Meno risorse e più conflitti con i cambiamenti climatici. Il report IEP

Clima

L’insicurezza alimentare, la mancanza d’acqua e l’impatto dei disastri naturali, combinati con l’alta crescita della popolazione, stanno alimentando i conflitti

Un circolo vizioso che collega l’esaurimento delle risorse naturali con i conflitti violenti potrebbe aver superato il punto di non ritorno in alcune parti del mondo ed è probabile che sia esacerbato dal cambiamento climatico. È quanto emerge dal report del think-tank Institute for Economics and Peace (IEP).

FOCUS SU INSICUREZZA ALIMENTARE, MANCANZA D’ACQUA E DISASTRI NATURALI

L’insicurezza alimentare, la mancanza d’acqua e l’impatto dei disastri naturali, combinati con l’alta crescita della popolazione, stanno alimentando i conflitti e spostando le persone nelle aree vulnerabili, sottolinea Reuters che ha ripreso il report.

L’IEP usa i dati delle Nazioni Unite e di altre fonti per prevedere i paesi e le regioni più a rischio nel suo “Registro delle minacce ecologiche”.

30 PAESI CHE OSPITANO 1,26 MILIARDI DI PERSONE I PIÙ A RISCHIO

Serge Stroobants, direttore dell’IEP per l’Europa, il Medio Oriente e il Nord Africa, ha detto che il rapporto ha identificato 30 paesi “hotspot” – che ospitano 1,26 miliardi di persone – come più a rischio.

Il focus si basa su tre criteri relativi alla scarsità di risorse, e cinque che si concentrano sui disastri tra cui inondazioni, siccità e aumento delle temperature. “Non abbiamo nemmeno bisogno del cambiamento climatico per vedere un potenziale collasso del sistema, solo l’impatto di queste otto minacce ecologiche può portare a questo, naturalmente il cambiamento climatico lo sta rafforzando”, ha detto Stroobants.

Nella classifica l’Afghanistan ottiene il punteggio peggiore nel rapporto: il conflitto in corso ha danneggiato la sua capacità di far fronte ai rischi per le forniture di acqua e cibo, al cambiamento climatico e all’alternanza di inondazioni e siccità.

CAMBIAMENTO CLIMATICO PUÒ AVERE UN EFFETTO AMPLIFICATORE SU MOLTE DI QUESTE QUESTIONI

Sei seminari tra governi, istituzioni militari e gruppi di sviluppo l’anno scorso hanno riportato il messaggio che “è improbabile che la comunità internazionale possa invertire i cicli viziosi in alcune parti del mondo”, ha detto IEP.

Questo è particolarmente il caso del Sahel e del Corno d’Africa, che ha visto aumentare e peggiorare i conflitti nell’ultimo decennio. “Con le tensioni già in aumento, ci si può solo aspettare che il cambiamento climatico abbia un effetto amplificatore su molte di queste questioni”, ha sottolineato il rapporto.

Back To Top