skip to Main Content

Mobilità, Motus-E risponde a Formigli (Piazza Pulita) e lo invita a un nuovo viaggio Roma-R. Calabria

Mobilità

Naso: Anche il ministro Cingolani ha ribadito che dobbiamo agire subito per contrastare il cambiamento climatico partendo dall’elettrificazione

“Come Segretario generale di Motus-E, la prima Associazione costituita per la promozione della mobilità elettrica in Italia che rappresenta il settore, abbiamo seguito con attenzione la puntata di ieri sera di ‘Piazza Pulita’, in particolare il servizio che ha mostrato il viaggio della giornalista Chiara Proietti a bordo di una city car elettrica da Roma a Reggio Calabria. A nostro avviso è fondamentale fare una premessa, un qualsiasi viaggio in auto di questa portata, a prescindere che ci si trovi a bordo di un’auto elettrica o di una a combustione interna va pianificato almeno un minimo. Il viaggio di 710 km intrapreso dalla giornalista e dalla sua troupe è stato tutt’altro che pianificato”. È quanto ha scritto in una nota il segretario generale Francesco Naso rispondendo a Formigli e alla redazione di Piazza Pulita.

ANCHE CON UNA CITY CAR SI PUO’ AFFRONTARE UN VIAGGIO DI 700KM

“Alla partenza l’auto aveva solo il 65% di carica della batteria, tutt’altro che una buona pratica. Siamo certi che con un minimo di preparazione e organizzazione, il viaggio non sarebbe sicuramente durato 52 ore. L’attuale parco circolante di veicoli a batteria in Italia è di 185.000 unità di cui oltre 93.000 elettriche pure, e tra i tanti possessori di auto elettrica sono perfettamente in grado di affrontare lunghi viaggi – ha spiegato Naso -. Anche con una city car è possibile affrontare un viaggio di 700 chilometri ma al di là dell’alimentazione partire con poco più di mezzo “serbatoio” ed arrivare in riserva di notte e cercare di fare il ‘pieno’ per la prima volta senza esperienza, in questo modo si stanno solo creando i presupposti per trovarsi di fronte a degli inconvenienti”.

AGIRE SUBITO CONTRO I CAMBIAMENTI CLIMATICI

“Anche il ministro Cingolani ha ribadito che dobbiamo agire subito per contrastare il cambiamento climatico partendo dall’elettrificazione. L’elettrificazione dei trasporti passa proprio dalle auto elettriche, unico strumento efficace ed efficiente per viaggiare ad emissioni zero. Si tratta di un cambio di paradigma e di abitudini come qualsiasi progresso tecnologico comporta, questo è inevitabile”, si legge ancora.

L’INVITO A FORMIGLI

“Passando, invece, al servizio successivo e al confronto diesel Euro 3 con Euro 6 si è tralasciato il fatto che le emissioni di CO2 sono praticamente equiparabili. Quindi i diesel Euro 6 anche se di ultima generazione continuano ad emettere CO2 mentre con una qualsiasi auto elettrica le emissioni sono zero – ha evidenziato Naso -. Il settore dell’auto era già in crisi e la pandemia ha contribuito ad aggravarla. Siamo ancora in tempo per investire e portare l’industria automotive del nostro Paese ed in particolare la componentistica a diventare leader del settore. L’auto elettrica è un’opportunità che siamo ancora in tempo a cogliere sia per salvare l’ambiente e spingere sulla nostra industria. La nostra Associazione resta sempre a disposizione per un confronto aperto e costruttivo. E a tal proposito siamo a rivolgere un invito al dottor Formigli: fare lo stesso, identico, percorso insieme da Roma a Reggio Calabria senza impiegarci 52 ore, grazie ad un minimo di pianificazione del viaggio e partendo con l’auto carica, organizzando le soste e utilizzando ricariche ad alta potenza”, ha concluso la lettera.

Back To Top