skip to Main Content

Perché la Belt and Road Initiative cinese sta trasformando il Kazakistan

Eolico

Il parco eolico vicino alla città di Zhanatas nel Kazakistan ha una capacità di 100 megawatt e, alimenterà 1 milione di case con elettricità pulita quando tutte e 40 le turbine eoliche saranno attive.

Secondo quanto riferisce un report dell’agenzia di stampa cinese Xinhua, il parco eolico situato nel Kazakistan meridionale vicino alla città di Zhanatas è un esempio di come la Belt and Road Initiative cinese stia trasformando l’approvvigionamento energetico del Kazakistan. la Belt and Road Initiative cinese, lanciata dalla Cina nel 2013, è un progetto infrastrutturale globale che interessa oltre 70 paesi in tutto il mondo.

IL PROGETTO KAZAKO

La costruzione dell’impianto è iniziata nel 2019. Il fatto che la pandemia non abbia rallentato il progetto ha segnato un’impresa encomiabile, ha affermato Guo Qiang, direttore generale dell’impianto.

Il parco eolico ha una capacità di 100 megawatt e, alimenterà 1 milione di case con elettricità pulita quando tutte e 40 le turbine eoliche saranno attive.

Ogni torre della turbina pesa oltre 300 tonnellate ed è alta quasi 150 metri, paragonabile a un edificio di 50 piani.

Per fare un confronto, l’agenzia di stampa cinese ha affermato che le lame lunghe 60 metri coprono un’area grande quanto il London Eye. Inoltre, quando sarà pienamente operativo, ridurrà le emissioni di anidride carbonica di quasi 300.000 tonnellate all’anno.

TRA I FINANZIATORI ANCHE LA BERS

China Power International Holding e Visor Kazakhstan sono azionisti dell’impianto. L’Asian Infrastructure Investment Bank, la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, la Banca industriale e commerciale della Cina (Almaty) e il Green Climate Fund sono invece co-finanziatori.

SCOMMESSA SULLE RINNOVABILI

Sia l’Uzbekistan che il Kazakistan hanno scommesso molto sulle energie rinnovabili. Ma per vincere la loro scommessa si sono affidati ai cinesi All’inizio di quest’anno, il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev ha affermato che il paese aveva come obiettivo quello did aumentare la sua quota di energia verde al 15% del consumo totale di elettricità del paese entro il 2030.

Naturalmente una delle scommesse più forti riguarda l’energia solare: la Cina è il più grande produttore di pannelli solari al mondo, ha accolto più che favorevolmente la mossa. Secondo un recente rapporto delle Nazioni Unite, il Kazakistan possiede oltre l’85% del potenziale solare totale dell’Asia centrale.

Nel 2017, solo per fare un esempio, visto che la capacità solare nazionale della Cina aveva superato la domanda, Pechino ha offerto al Kazakistan un impianto solare da 1 MW in regalo vicino ad Almaty nel 2018, secondo quanto riferito da Eurasianet. L’obiettivo, secondo il rapporto, era incoraggiare il Kazakistan a guardare ad est per il suo fabbisogno di energia verde.

LA MOSSA DEI CINESI HA FUNZIONATO

La mossa dei cinesi ha funzionato. Nel giugno 2018, Risen Energy, con sede a Ningbo, ha iniziato a lavorare su un impianto solare fotovoltaico da 39 milioni di dollari e 40 MW a Karaganda.

La Cina produce il 70% dei pannelli solari del mondo. Tuttavia, non è l’unico attore nella regione. Uno dei più grandi progetti solari del Kazakistan, un campo da 100 MW a Saran, nella provincia di Karaganda, è opera di una società tedesca. Inoltre, anche la Russia è un attore da tenere in considerazione in questa regione nei progetti di energia rinnovabile.

Back To Top