skip to Main Content

Perché la domanda di petrolio non crollerà a causa della transizione energetica

Petrolio

La domanda globale di petrolio sarà di poco inferiore a 100 milioni di barili al giorno fino al 2040, più o meno il livello di consumo nell’ultimo anno “normale” prima della pandemia, 2019.

La transizione energetica e la crescente quota di elettrificazione dei trasporti non porteranno a un rapido calo della domanda globale di petrolio: qualsiasi calo dei consumi sarà molto graduale. È l’opinione espressa dagli analisti di Argus al forum Argus Crude durante la conferenza IPWeek.

UN TIRO ALLA FUNE

L’andamento della domanda mondiale di petrolio sarà un “tiro alla fune” tra i maggiori sforzi per la ripresa verde e l’elettrificazione in Europa, negli Stati Uniti e in certa misura in Cina, contro la crescente domanda di petrolio in mezzo a una forte crescita economica nelle economie emergenti, secondo Euan Craik, responsabile globale del petrolio presso Argus.

LE PREVISIONI DI ARGUS

Argus prevede che la domanda globale di petrolio sarà di poco inferiore a 100 milioni di barili al giorno fino al 2040, più o meno il livello di consumo nell’ultimo anno “normale” prima della pandemia, 2019.

“Vale la pena notare che questo è in linea con i livelli da cui siamo appena arrivati nel 2019, quindi sarà un calo molto lento della domanda di petrolio anche se nuove forme di energia entreranno in funzione e rappresenteranno una parte maggioritaria del pool”, ha detto Craik di Argus al forum secondo quanto riferisce Oilprice.

COSA DICE OPEC

L’OPEC, ad esempio, vede la domanda in crescita nei prossimi due decenni. E prevede che la domanda globale di petrolio supererà i livelli pre-pandemia nel 2022 e crescerà costantemente fino alla fine degli anni ’30, quando inizierà a stabilizzarsi, ha affermato il cartello nell’ottobre 2020, in un report che cambiò la tempistica sul picco del petrolio.

PER IHS MARKIT IL GREGGIO SARÀ ANCORA LA PRINCIPALE FONTE DI ENERGIA PER IL TRASPORTO NEI PROSSIMI ANNI

IHS Markit ha stimato invece che la domanda globale di petrolio per benzina e diesel da veicoli leggeri ha raggiunto il picco nel 2019 a 29,1 milioni di barili al giorno. Tuttavia, il petrolio sarà ancora la principale fonte di energia per il trasporto negli anni a venire, a causa delle dimensioni del parco auto globale e del tempo necessario per il suo cambiamento. Gli analisti stimano che fino al 2020 il consumo di elettricità nel trasporto su strada abbia spostato solo circa 370.000 barili al giorno – lo 0,4 per cento del consumo mondiale di petrolio – e salirà a 1,5 mln di barili entro il 2025.

“L’aumento dell’elettrificazione, insieme all’aumento del risparmio di carburante e degli standard delle emissioni, giocherà un ruolo importante nel declino della domanda mondiale di petrolio che IHS Markit prevede che emergerà ad un certo punto nei prossimi 10-15 anni rispetto alle sue previsioni di base”.

Back To Top