skip to Main Content

Perché l’uragano Ida apre la strada alla volatilità dei prezzi del petrolio

Petrolio

Quasi 2 milioni di barili al giorno di capacità di raffinazione di petrolio della costa del Golfo degli Stati Uniti sono attualmente offline.

Rystad Energy stima che l’impatto dell’uragano Ida sulla produzione di petrolio e sulla capacità di raffineria degli Stati Uniti porterà a una riduzione della fornitura giornaliera di picco di 1,8 milioni di barili al giorno nel Golfo del Messico, che attualmente ha una capacità di produzione giornaliera di picco di 1,9 milioni di barili al giorno. Sulla base delle interruzioni segnalate e della chiusura delle raffinerie in preparazione della tempesta, si stima che quasi 2 milioni di barili al giorno di capacità di raffinazione della costa del Golfo degli Stati Uniti siano attualmente offline.

L’IMPATTO SULLA PRODUZIONE

Come nel caso di grandi uragani e tempeste durante il periodo 2016-2020, Rystad Energy stima che l’impatto cumulativo dell’interruzione della produzione sia equivalente a 5,5 giorni di capacità massima, ipotizzando una rapida riattivazione a partire dal 31 agosto e dal 1 settembre. Ciò si tradurrà in un impatto di circa 215.000 b/g e 127.000 b/g sulle medie mensili rispettivamente di agosto e settembre. Tuttavia, avverte la società di consulenza, “è presente un certo rischio di ribasso dell’offerta, relativo sia a ulteriori perturbazioni meteorologiche visto che siamo nel bel mezzo della stagione degli uragani, sia per la ritardata riattivazione di alcune strutture”.

MARGINALE L’IMPATTO SULLE FORNITURE DI PETROLIO ONSHORE

Per quanto riguarda le forniture di petrolio onshore, “stiamo assistendo a un impatto marginale sui volumi di petrolio tradizionale in Louisiana e Mississippi. Con il declassamento di Ida alla categoria 1, la probabilità di interruzioni prolungate a monte nell’area è diminuita. Tuttavia, negli ultimi due giorni sono stati chiusi fino a 120.000 barili al giorno di produzione di petrolio onshore negli Stati Uniti, il che probabilmente determinerà un impatto compreso tra 11.000 e 18.000 barili al giorno sulle medie mensili di agosto e settembre, rispettivamente”.

I FLUSSI COMMERCIALI

Per quanto riguarda i flussi commerciali, l’Eia ha dichiarato che sono chiusi i seguenti porti in grado di ricevere prodotti petroliferi: i porti di Baton Rouge, Gramercy, New Orleans, Morgan City e Lake Charles in Louisiana; Pascagoula nel Mississippi; e Mobile in Alabama. Il 28 agosto il Louisiana Offshore Oil Port (LOOP) ha sospeso le operazioni presso il suo terminal marittimo. “Inoltre, stimiamo che circa 13 milioni di barili di greggio siano in attesa di essere sbarcati nella regione della costa del Golfo degli Stati Uniti”, ha sottolineato Rystad Energy.

Sulla base delle interruzioni di corrente segnalate e della chiusura delle raffinerie in preparazione della tempesta, quasi 2 milioni di barili al giorno di capacità di raffinazione della costa del Golfo degli Stati Uniti sono attualmente fuori uso a causa dell’uragano Ida. Poiché Ida è stata declassata dalla Categoria 4 alla Categoria 1 e si sta spostando a nord-est, “prevediamo che l’impatto peggiore sia passato e stimiamo che le raffinerie rimarranno offline per un massimo di 7-14 giorni, a seconda dell’entità dei danni dovuti alle inondazioni”, ha evidenziato ancora la società. “Prevediamo che l’impatto mensile di agosto sulla capacità di raffinazione della costa del Golfo sarà di circa 160.000 b/g e di circa 150.000 b/g (a causa dei tassi di utilizzo), ma l’impatto mensile della capacità di settembre potrebbe salire a circa 640.000 b/g in base alla disponibilità di energia e alla riparazioni necessarie”.

INDEBOLIMENTI DEI PREZZI ULTERIORE A SETTEMBRE E FORSE A OTTOBRE

“Vediamo il rischio che la perdita della domanda di raffineria degli Stati Uniti sia maggiore e più prolungata della perdita di offerta di greggio, che, a seconda dell’entità delle chiusure delle raffinerie e delle interruzioni di corrente, potrebbe indebolire ulteriormente il prezzo WTI e potenzialmente ulteriormente il WTI-Brent per settembre e forse ottobre 2021″, ha affermato Bjornar Tonhaugen, responsabile dei mercati petroliferi di Rystad Energy.

Back To Top