skip to Main Content

Perché secondo Aie la domanda globale di gas sarà in calo nel 2022

Gas

Le prospettive della domanda di gas rimangono “altamente incerte”. L’invasione russa dell’Ucraina ha innescato una crisi energetica con l’Europa ‘epicentro’ delle tensioni sul mercato

La domanda globale di gas è destinata a diventare negativa nel 2022 a causa dei prezzi elevati e dell’incertezza del mercato, con una domanda che dovrebbe diminuire dello 0,3% quest’anno. Lo ha affermato l’Agenzia internazionale per l’energia nel suo ultimo rapporto di mercato trimestrale. Per Aie la domanda globale di gas nel 2022 è prevista a 4,086 Tcm rispetto ai 4,097 Tcm dell’anno scorso, già al ribasso rispetto a una precedente previsione per una crescita della domanda globale di gas dell’1% quest’anno. “L’offerta limitata, i prezzi elevati e l’accresciuta incertezza del mercato hanno portato a una revisione al ribasso della crescita del consumo globale di gas, che di conseguenza dovrebbe diventare negativa per il 2022 – ha affermato l’agenzia -. Le prospettive rimangono altamente incerte e si possono prevedere ulteriori ribassi, soprattutto nei mercati emergenti di importazione di gas, a causa di tensioni di approvvigionamento durature, prezzi elevati e volatilità”.

L’EUROPA AL CENTRO DELLE TENSIONI SUL GAS

L’Aie ha affermato che l’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio ha innescato una grave crisi dell’approvvigionamento energetico e della sicurezza che ha portato i prezzi delle materie prime a nuovi massimi, con implicazioni più ampie per l’economia globale. “Il conflitto ha esercitato un’ulteriore notevole pressione sui mercati del gas e ha sollevato incertezza nel contesto di un mercato già teso”, ha detto Aie aggiungendo che “l’Europa è stata l’epicentro delle tensioni di mercato sin dall’inizio della stagione del riscaldamento, dovute alla combinazione di scorte di stoccaggio sotterranee inferiori alla media – principalmente da siti in parte di proprietà o controllati da Gazprom – e un forte anno su anno calo delle forniture di gasdotti russi”, ha affermato.

L’ANDAMENTO DEI PREZZI DEL GAS

Il prezzo del gas del giorno prima sull’hub TTF olandese di riferimento è stato valutato a 212 euro per MWh il 7 marzo, il massimo storico e il 230% in più rispetto all’inizio del 2022. Al momento i siti di stoccaggio europei sono pieni al 29% al 18 aprile, secondo i dati di Gas Infrastructure Europe. (

COMPENSA IL GNL

L’Aie ha affermato che le minori forniture russe sono state ampiamente compensate dal GNL, “trasformando l’Europa in un mercato premium e prelevando carichi dall’Asia del Pacifico e da altre regioni”. “Non ci sono restrizioni all’importazione legalmente vincolanti per il gas russo nell’UE, ma c’è una forte spinta a ridurre l’esposizione del blocco alle importazioni di energia russe”, ha affermato l’Aie precisando che il calo delle consegne di gasdotti russi in Europa – e l’assenza di volumi scambiati a pronti da ottobre -, combinato con l’obiettivo dell’Ue di ridurre la sua dipendenza dall’approvvigionamento dalla Russia, l’ha portata a rivedere al ribasso la sua ipotesi per le consegne di gasdotti russi in Europa per 2022. “Ciò a sua volta richiede maggiori importazioni di GNL al fine di bilanciare le esigenze di consumo e garantire il riempimento dei siti di stoccaggio sotterranei europei”, ha affermato l’Agenzia aggiungendo che le maggiori esigenze di importazione di GNL in Europa stanno mettendo sotto pressione un equilibrio del mercato globale del GNL già stretto nel 2022.

LA PROSPETTIVA DI UNA FORNITURA AGGIUNTIVA SEMBRA LIMITATA

L’agenzia ha affermato che la prospettiva di una fornitura aggiuntiva sembra limitata poiché la capacità di esportazione incrementale si basa su un numero limitato di progetti, mentre diversi esportatori sono ancora ostacolati dalle interruzioni di capacità estese del 2021.

“È probabile che le conseguenti tensioni di fornitura e prezzi elevati a breve termine abbiano un impatto negativo sul consumo di gas nei mercati emergenti sensibili ai prezzi, che saranno anche influenzati dall’aumento del costo dei loro contratti di fornitura di GNL a lungo termine indicizzati al petrolio”, ha spiegato Aie secondo cui è probabile che anche la domanda di gas risentirà delle più ampie ripercussioni del conflitto sull’economia globale.

L’Aie ha concluso quindi che le previsioni sulla domanda di gas per quasi tutte le regioni sono state riviste al ribasso, con un’ampia quota dell’impatto nella regione dell’Asia del Pacifico, a causa di una combinazione di prospettive economiche declassate a causa degli alti prezzi delle materie prime e del rischio di limitazioni fisiche all’accesso al GNL. Il consumo di gas in Europa ed Eurasia, già previsto in calo nel 2022 dopo il forte contributo della domanda legata alle condizioni meteorologiche nel 2021, è stato ulteriormente rivisto al ribasso. “Si prevede che il consumo in queste regioni durante il 2022 diminuirà di quasi il 6% e il 5% su base annua, rispettivamente”, ha concluso Aie.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore