skip to Main Content

Petrolio, picco della domanda nel 2019 secondo Irena

Petrolifera

Il consumo di combustibili fossili precipiterà di oltre il 75% entro il 2050. La domanda di gas naturale raggiungerà il picco nel 2025. La produzione di petrolio crollerà dell’85% a circa 11 milioni di barili al giorno entro il 2050

La domanda globale di petrolio potrebbe aver raggiunto il picco nel 2019 e il gas naturale potrebbe seguire la stesa strada intorno al 2025. Lo ha affermato il direttore generale dell’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili Francesco La Camera in occasione della presentazione del World Energy Transitions Outlook di IRENA.

PRODUZIONE GLOBALE DI PETROLIO GIU’ DEL 75%

In uno scenario del 2050 che soddisfa l’impegno dell’Accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi, il report prevede che l’uso di carburante diminuirà di oltre il 75% se le politiche di transizione energetica saranno applicate ora.

Nello scenario 1,5 gradi, la produzione globale di petrolio dovrebbe precipitare dell’85% a poco più di 11 milioni di barili al giorno entro il 2050 dai livelli attuali, con il gas naturale che rimarrebbe la principale fonte di combustibile fossile a circa il 52% dei livelli attuali, ha evidenziato Irena.

LA CAMERA: TRANSIZIONE ENERGETICA INARRESTABILE

“Negli ultimi otto anni, la capacità installata di fonti rinnovabili ha superato sistemicamente la capacità installata di impianti legati ai combustibili fossili – ha detto
La Camera -. C’è un cambiamento strutturale che è già in atto. La transizione energetica è inarrestabile”.

PREVISIONI IRENA IN SCIA A BP

La previsione di IRENA del picco del petrolio rispecchia la proiezione di BP dello scorso anno secondo cui il mondo potrebbe non tornare più al livello di domanda pre-pandemica di petrolio di circa 100 milioni di barili al giorno. La domanda di petrolio dovrebbe essere, dunque, la più grande vittima della minore domanda di energia nei prossimi tre decenni poiché una crescita economica più debole e un passaggio più rapido alle energie rinnovabili potrebbe acceleare la scomparsa dei combustibili per i trasporti a base di petrolio, ha affermato BP nel suo Energy Outlook 2020 pubblicato il 14 settembre, 2020.

GAS ANCORA UTILE

Il gas naturale sarà ancora necessario in futuro per la produzione di energia e in alcuni settori, ha affermato IRENA. Il carbone sarà eliminato gradualmente entro il 2050, con il gas che fornirà circa il 6% della produzione di energia e l’energia nucleare intorno al 4%.

“I combustibili fossili hanno ancora un ruolo da svolgere, principalmente nel power e in una certa misura nell’industria, fornendo il 19% della fornitura di energia primaria nel 2050 – ha detto IRENA -. Circa il 70% del gas naturale verrà consumato in centrali elettriche / termiche e nella produzione di idrogeno blu”.

VISIONE RIBASSISTA IRENA CONTRASTA CON OPEC

La visione ribassista di IRENA della domanda di combustibili fossili contrasta con le previsioni dell’Agenzia internazionale per l’energia e dell’OPEC. Secondo l’ultimo scenario di previsione centrale dell’AIE pubblicato a novembre, la domanda mondiale di petrolio salirà a 106,4 milioni di barili al giorno nel 2040 da 96,9 milioni di barili al giorno nel 2018, con un appiattimento della crescita entro il 2030.

L’anno scorso, l’OPEC ha affermato per la prima volta che il picco della domanda di petrolio potrebbe essere vicino, stimando che la sete mondiale di petrolio smetterà di crescere tra circa 20 anni.

Con la pandemia che ha indotto un riesame del mercato petrolifero e dei paesi che diventano più aggressivi sui loro obiettivi di sostenibilità, l’8 ottobre l’OPEC ha stimato che la domanda globale avrebbe raggiunto i 109,3 milioni di barili al giorno nel 2040 prima di scendere a 109,1 milioni di barili al giorno nel 2045 e stabilizzarsi “per un periodo relativamente lungo”.

ENERGIA RINNOVABILE

Per S&P Global Platts Analytics la domanda globale di petrolio dovrebbe invece raggiungere un picco nel 2040 a circa 114 milioni di barili al giorno prima di scendere a 109 milioni di barili al giorno nel 2050, circa 5 milioni di barili al giorno in meno rispetto alle previsioni pre-crisi. Secondo IRENA, l’uso di combustibili fossili verrebbe ridotto dalla crescente adozione di energie rinnovabili, efficienza energetica ed elettrificazione.

“Oltre il 90% delle soluzioni di decarbonizzazione nel 2050 coinvolgono energia rinnovabile attraverso fornitura diretta, elettrificazione, efficienza energetica, idrogeno verde e biomassa con cattura e stoccaggio del carbonio – ha affermato IRENA -. La CCS basata sui fossili ha un ruolo limitato da svolgere e il contributo del nucleare rimane agli stessi livelli di oggi”.

Nello scenario 1.5 gradi, l’elettricità diventerebbe il principale vettore energetico con il 50% della quota diretta del consumo totale di energia, rispetto al livello attuale del 21%, ha affermato IRENA. Quasi il 90% del fabbisogno elettrico sarà fornito da fonti rinnovabili, rispetto al 7% nel 2018, mentre il resto proverrà dal gas e dal nucleare.

L’eolico e il solare fotovoltaico costituiranno la maggior parte del mix di generazione di energia, fornendo il 63% del fabbisogno totale di elettricità entro il 2050, con una capacità di generazione rinnovabile installata che crescerà a 27.700 GW dai 2.500 GW attuali.

L’IDROGENO

Secondo IRENA, la domanda di elettricità crescerà più di due volte tra il 2018 e il 2050 con l’uso di elettricità nell’industria e negli edifici che raddoppierà e nei trasporti che salirà da zero a oltre 12.700 TWh.

L’idrogeno eni suoi derivati rappresenteranno il 12% dell’uso finale di energia entro il 2050 e il 30% dell’uso di elettricità sarà dedicato alla produzione di idrogeno verde e ai suoi derivati, ha affermato. Il mondo avrà bisogno di quasi 5.000 GW di capacità di elettrolisi dell’idrogeno entro il 2050 da appena 0,3 GW ora per raggiungere questo livello di idrogeno.

Per raggiungere lo scenario da 1,5 gradi, il mondo dovrà spendere 33 trilioni di dollari in aggiunta ai 98 trilioni attualmente stanziati per gli investimenti nei sistemi energetici. Circa 24 trilioni di dollari investiti in combustibili fossili dovranno essere dirottati verso le tecnologie di transizione energetica nel periodo fino al 2050, ha affermato IRENA.

live
Back To Top