Energie del futuro

Ecco i piani di Shell sul gas per il 2050

Shell

Li ha illustrati il numero uno Ben van Beurden al CERAWeek di Houston

La Royal Dutch Shell potrebbe triplicare la sua quota di produzione di gas naturale rispetto a quella petrolifera, per raggiungere gli obiettivi che la stessa azienda si è data di dimezzare le emissioni di carbonio entro il 2050. Lo ha annunciato l’amministratore delegato della major petrolifera Ben van Beurden. Parlando alla conferenza CERAWeek all’IHS Markit a Houston, van Beurden ha illustrato una serie di misure che l’azienda anglo-olandese sta prendendo in considerazione per raggiungere alcuni obiettivi ambiziosi, tra cui la limitazione delle emissioni derivanti dalle sue attività e quelle derivanti dalla combustione di benzina e gas da parte dei suoi clienti.

consumi“Con il tempo, questa ambizione trasformerà il mix di prodotti della nostra azienda”, ha dichiarato van Beurden. Oltre ad aumentare la quota di gas naturale, il combustibile fossile meno inquinante, Shell potrebbe anche vendere energia da parchi eolici offshore, vendere biocarburanti e utilizzare la tecnologia di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS), ha aggiunto il manager. Tra le altre iniziative messe in campo dal colosso petrolifero anche un programma di ricarica dedicato ai clienti da 1 a 2 centesimi presso le pompe di benzina da utilizzare per piantare alberi in tutto il mondo e compensare le emissioni di carbonio.

Secondo van Beurden, tuttavia, il settore energetico avrà bisogno di una serie di operazioni nel settore gas per ridurre le emissioni di metano, un potente gas a effetto serra, altrimenti l’utilizzo come carburante alternativo a basse emissioni di carbonio potrebbe essere “minato in modo fatale”.