Scenari

Quali sono le prospettive (volatili) dei prezzi del gas

gas

Il crescente commercio di Gnl, contratti più flessibili e mercati regionali sempre più interconnessi potrebbero porre fine alla recente relativa stabilità dei prezzi globali del gas

I prezzi spot record della scorsa settimana del Gas naturale liquefatto (Gnl) in Asia potrebbero non reggere a lungo, ma l’aumento potrebbe essere un segno di ciò che il futuro potrebbe riservare ai prezzi del gas a livello globale.

Il crescente commercio di Gnl e la crescente importanza del Gas liquefatto sui mercati globali hanno modificato profondamente, infatti, il modo in cui parte della fornitura globale di combustibile viene scambiata e ha reso i mercati regionali del gas più interconnessi tra loro. Questo significa che quando i prezzi spot del Gnl aumentano nell’Asia settentrionale, i venditori di gas liquefatto si affrettano a inviare combustibile nella regione, lasciando meno rifornita l’Europa, dove i prezzi fluttuano in un mercato generalmente più ristretto.

MERCATI DEL GAS SEMPRE PIÙ INTERCONNESSI

Ciò è accaduto all’inizio del 2021, quando l’aumento dei prezzi spot del Gnl in Asia ha incentivato i carichi diretti nella regione, invece che in Europa, e ha portato i prezzi all’ingrosso del gas nel Regno Unito ai massimi di due anni a causa delle temperature insolitamente gelide in tutta la Gran Bretagna, come si legge su Reuters.

In sostanza, l’ondata di freddo ha aumentato la domanda di gas nel Regno Unito, ma un minor numero di arrivi di Gnl ha irrigidito il mercato, facendo aumentare i prezzi all’ingrosso. L’ondata di freddo con temperature al di sotto delle norme stagionali nella maggior parte dell’emisfero settentrionale, da Madrid a Tokyo, è stata la causa principale dell’aumento dei prezzi spot del Gnl. Tuttavia, il rally ha anche mostrato che i prezzi regionali del gas non sono più isolati all’interno delle rispettive regioni.

A dire il vero, la maggior parte del Gnl scambiato a livello globale è ancora soggetto a contratti di lungo termine legati ai prezzi del petrolio. Ma questo comporta unicamente che il mercato spot del Gnl sia più vulnerabile alla volatilità dei prezzi a causa dei minori volumi scambiati e della ridotta flessibilità per rispondere agli squilibri di mercato rispetto ad altre materie prime energetiche, come ha osservato David Sheppard, Energy Editor del Financial Times.

LA MAGGIORE VOLATILITÀ DEI PREZZI DEL GAS POTREBBE ESSERE ANTICIPATA

In sostanza, quindi, mentre i massimi prezzi spot della scorsa settimana del Gnl in Asia non dureranno con l’arrivo del clima più caldo, il picco potrebbe essere un segnale di ciò che sta accadendo sui mercati globali: maggiore volatilità e in generale, prezzi del gas più alti.

IMPROBABILE DURI LA STAGIONE DEI PREZZI STABILI

“Sebbene i prezzi del gas a contratto siano stati bassi e relativamente stabili negli ultimi anni, è improbabile che ciò duri – ha dichiarato Bruce Robertson, Energy Finance Analyst, Gas / LNG, presso l’Institute for Energy Economics and Financial Analysis (IEEFA) in una nota della scorsa settimana -. Con livelli inferiori di trivellazione, instabilità finanziaria nell’industria petrolifera e del gas e bassi livelli di investimenti nel settore, è probabile che una nuova era di prezzi più elevati e maggiore volatilità sia alle porte”, ha aggiunto Robertson.

IEEFA: Over US$50 billion in gas power projects and LNG import facilities at risk of cancellation in Bangladesh, Pakistan and Vietnam

A RISCHIO FINO A 50 MLD DI PROGETTI IN ASIA MERIDIONALE

La riduzione delle trivellazioni negli Stati Uniti – che ora è un importante esportatore di Gnl che rappresenta la maggior parte della capacità del comparto – e le cattive condizioni finanziarie di molte compagnie petrolifere che operano in America potrebbero turbare la relativa stabilità degli ultimi tre anni del prezzi dell’Henry Hub, il benchmark statunitense, che è anche il riferimento per calcolare il prezzo delle esportazioni di Gnl statunitensi, ha osservato Robertson: “Potremmo arrivare alla fine di un’era di prezzi stabili del gas e gli effetti potrebbero riverberarsi a livello globale visto gli Stati Uniti sono ora un importante esportatore”.

Secondo Robertson, i prezzi del gas più volatili e più elevati potrebbero mettere a repentaglio fino a 50 miliardi di dollari di progetti energetici alimentati a gas nei mercati emergenti del Gnl dell’Asia meridionale, Pakistan, Vietnam e Bangladesh.

Lo IEEFA vede, infatti, minori investimenti e una ridotta attività di perforazione che porteranno a picchi di prezzo e volatilità al livello più alto rispetto agli ultimi tre anni. “I clienti gas in tutto il mondo possono aspettarsi imprevedibilità e una possibilità concreta di aumentare i prezzi”, ha scritto Robertson nella nota.

IL COMMERCIO DI GNL CRESCERÀ SOLO NEI PROSSIMI ANNI

Nonostante la pandemia, la domanda di Gnl è aumentata del 3% nel 2020 rispetto al 2019, secondo l’Annual Short Term Gas Market Report 2020 del Forum dei paesi esportatori di gas (GECF), un’organizzazione di paesi che rappresentano il 60% delle esportazioni mondiali di GNL e include i principali esportatori di gas come Russia e Qatar.

Il commercio spot e a breve termine di Gnl ha rappresentato il 34% del commercio globale di gas liquefatti nel 2019, rispetto a una quota del 31% nel 2018, ha affermato GECF. “La quota maggiore è stata determinata dall’aumento dei volumi di Gnl flessibili dagli Stati Uniti e da un aumento dei volumi di gas liquefatto scambiati da trader e operatori di portafoglio”, ha ammesso GECF, osservando che il commercio di Gnl a pronti e a breve termine dovrebbe aumentare ulteriormente, guidato dall’aumento volumi flessibili dagli Stati Uniti.

“I recenti prezzi spot record del Gnl in Asia potrebbero essere stati solo un breve inconveniente a seguito di una ‘tempesta perfetta’ sul mercato, ma il crescente commercio di Gnl, contratti più flessibili e mercati regionali sempre più interconnessi potrebbero porre fine alla recente relativa stabilità dei prezzi globali del gas”, ha osservato Oilprice.