Fact checking e fake news

Rialzo imprevisto della domanda petrolifera nel secondo semestre 2019

Lo rileva l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) nel rapporto mensile precisando che per il 2020, il ritmo di crescita sarà in media di 1,4 milioni di barili al giorno rispetto agli 1,2 di quest’anno

La crescita della domanda globale è destinata ad accelerare da una eccezionale debolezza di 310 mila barili giornalieri nel primo trimestre del 2019 a 800 mila barili nella seconda parte dell’anno per raggiungere 1,8 milioni di barili al giorno con il miglioramento dell’attività economica e la crescita degli impianti petrolchimici. Lo rileva l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) nel rapporto mensile precisando che per il 2020, il ritmo di crescita sarà in media di 1,4 milioni di barili al giorno rispetto agli 1,2 di quest’anno.

POTENZIALE DI ECCESSO DI OFFERTA

I numeri di Aie mostrano il potenziale di un eccesso di offerta per il prossimo anno, con un’espansione di 2,1 milioni di barili al giorno dell’offerta non Opec, guidata dagli Stati Uniti, rispetto ai 2 milioni del 2019. Ciò ridurrà il fabbisogno di greggio Opec che è sceso a 28 milioni di barili al giorno nel primo trimestre del 2019. L’Opec non produce a un livello così basso dal terzo trimestre 2003.

CALO DEL 10% DEL BRENT MALGRADO I FATTORI GEOPOLITICI A SOSTEGNO

“Le preoccupazioni per il rallentamento della domanda petrolifera mondiale hanno causato un calo del 10% del Brent a giugno, nonostante i fattori geopolitici di sostegno”, ha evidenziato Aie.