skip to Main Content

Rifornire di Gnl l’Asia è diventato molto più costoso per gli Stati Uniti

Gnl Gas

Grazie alla forte domanda di Gnl è stato stabilito un record di esportazione

La fornitura di gas naturale liquefatto al mercato asiatico in crescita è diventata più costosa per i produttori statunitensi quest’anno. Lo rivela un rapporto di Rystad Energy spiegando che anche così, è improbabile che gli esportatori statunitensi ripetano le chiusure legate ai costi dello scorso anno poiché la domanda globale è rimbalzata a livelli importanti. Invece, le esportazioni di Gnl degli Stati Uniti sono salite a un record mensile di 6,5 milioni di tonnellate a maggio e potrebbero continuare a salire a nuovi picchi”.

COSTO MARGINALE BREVE PERIODO IN SALITA PER L’EXPORT GNL

Rystad Energy stima che il costo marginale di breve periodo (SRMC) delle esportazioni di Gnl statunitensi verso il mercato asiatico sia salito a circa 5,60 dollari per MMBtu a partire da giugno 2021, in aumento del 65% da 3,4 dollari per MMBtu a metà del 2020 e del 30% in più rispetto allo scorso media annuale di 4,30 dollari per MMBtu.

AUMENTI GUIDATI DA NOLEGGI PIU’ COSTOSI E AUMENTI PREZZI CARBURANTE

Gli SRMC dei progetti di liquefazione attualmente operativi a livello globale sono aumentati quest’anno a causa di un aumento dei costi di trasporto per il gas liquefatto, guidato da tariffe di noleggio più elevate e costi del carburante. Inoltre, i costi negli Stati Uniti sono stati sostenuti anche da una ripresa dei prezzi interni del gas.

Nonostante il minore SRMC del Gnl in Asia lo scorso anno, “gli Stati Uniti erano ancora il fornitore più costoso a livello globale. Poiché i prezzi del gas TTF in Europa e i prezzi spot asiatici del Gnl sono scesi al di sotto di 2 dollari per MMBtu a metà del 2020, le esportazioni statunitensi hanno subito il colpo maggiore, con conseguenti chiusure poiché gli acquirenti hanno annullato i carichi”. Rystad Energy stima che “circa 12 Mt delle esportazioni statunitensi di Gnl siano state tagliate lo scorso anno a causa del crollo del mercato”.

“Non vediamo alcun segno di arretramento del Gnl nel 2021, ma vediamo un cambiamento nell’SRMC del Gnl globale e nelle curve del costo di fornitura. Invece, la produzione di gas liquefatto negli Stati Uniti raggiungerà i 72 Mt nel 2021, il livello annuale più alto mai registrato, nell’ipotesi di nessuna chiusura”, afferma Sindre Knutsson, vicepresidente del team dei mercati del gas di Rystad Energy.

CI SONO FORNITORI PIU’ COSTOSI DEGLI USA

Nonostante il significativo aumento dei costi, gli Stati Uniti non sono tuttavia il fornitore più costoso dell’Asia quest’anno. Il ritorno sul mercato del Gnl egiziano ha visto il Paese nordafricano assumere il ruolo di fornitore marginale di combustibile, con un SRMC di circa 6,30 dollari per MMBtu. Tuttavia, si prevede che la forte domanda del 2021 assorbirà anche questi costi, poiché i prezzi spot del Gnl asiatici sono di circa 12 dollari per MMBtu.

Nel frattempo, gli alti costi di trasporto colpiscono anche i produttori situati più vicino all’Asia. Ad esempio, il costo medio del trasporto di Gnl del Qatar a Tokyo, in Giappone, è aumentato a 0,90 dollari per MMBtu nel 2021 da circa 0,75 nel 2020. In confronto, la consegna di Gnl statunitense a Tokyo ha visto un aumento dei costi di viaggio a circa 1,90 dollari per MMBtu nel 2021 da 1,45 dell’anno scorso.

ALCUNI PROGETTI GNL SONO REDDITIZI ANCHE SE I PREZZI SONO ZERO

L’SRMC dei progetti di liquefazione non è l’unico importante aumento dei prezzi che ha influenzato il mercato del Gnl negli ultimi tempi. “Se si tiene conto delle entrate al lordo delle imposte, molti progetti integrati di Gnl hanno visto una migliore competitività nel 2021 grazie all’aumento dei prezzi del petrolio”, ha spiegato Rystad Energy, che ha aggiunto: “Ad esempio, Qatargas 1 LNG Train 1 ha un costo variabile stimato di produzione di Gnl di 1,60 dollari per MMBtu. Se si considerano le entrate liquide al lordo delle imposte derivanti dalla produzione di petrolio, i costi sono compensati da entrate petrolifere di circa 2,60 dollari per MMBtu, il che riduce i costi netti a un valore negativo di 1 dollaro per MMBtu. In questo modo, progetti come Qatargas 1 LNG Train 1 coprirebbero i loro costi anche se i prezzi del Gnl scendessero a zero”.

Tuttavia, non ci sono segni di un calo dei prezzi a zero quest’anno: “Il mercato del Gnl sembra robusto nel breve termine a causa della ripresa della domanda di gas liquefatto in Asia ed Europa, sostenuta da un’elevata domanda di ripopolamento, prezzi elevati della CO2 e esportazioni di gas da gasdotto russo verso l’Europa inferiori alle attese”.

“Nel complesso, il mercato sta registrando molte fonti di Gnl a basso costo. Dei 393 Mt di Gnl che prevediamo siano prodotti nel 2021, oltre 300 Mt, ovvero il 75%, possono essere forniti a un costo inferiore a 3 dollari per MMBtu, inclusa la consegna in Asia. Inoltre, 225 Mt possono essere immessi sul mercato a un prezzo inferiore a 2 dollari per MMBtu. Ciò mostra la diversità del mercato del Gnl rispetto ad altri combustibili e illustra anche perché il gas liquefatto si è dimostrato così robusto durante il 2020, quando il Covid-19 ha colpito il mercato con tutta la sua forza”, ha concluso Knutsson.

live
Back To Top