skip to Main Content

Saipem: ecco come sono andati i conti del primo trimestre 2021

Saipem

Cao: Saipem ha dimostrato in questi anni resilienza e adattabilità nell’affrontare la complessità in scenari sfidanti. L’azienda ha fondamentali solidi per affrontare al meglio le sfide future in un mercato in continua evoluzione

“Le performance di Saipem nel primo trimestre del 2021 risultano ancora condizionate dall’emergenza pandemica e risentono di un rallentamento di attività e della rimodulazione dei piani di esecuzione dei progetti in alcune aree del Mondo. Grazie ad un buon livello di acquisizione di nuovi contratti nel primo trimestre del 2021 per circa 1,6 miliardi di euro e pari ai ricavi del periodo, il portafoglio ordini si mantiene al livello record di oltre 25 miliardi1 di euro e ben diversificato”. È quanto sottolinea Saipem che ha presentato i risultati del primo trimestre 2021 aggiungendo che “la struttura finanziaria è robusta con liquidità in aumento a 2,5 miliardi di euro per effetto della nuova emissione obbligazionaria collocata con successo a marzo”.

EVENTI RECENTI IN MOZAMBICO

“In data 26 aprile 2021, Total ha emesso un comunicato stampa dichiarando la force majeure sul progetto Mozambique LNG, considerando l’evoluzione della situazione di sicurezza nel nord della provincia di Cabo Delgado in Mozambico – sottolinea Saipem -. Data la recente sospensione di attività e la press release emessa da Total, sono in corso valutazioni in stretta cooperazione con il cliente per preservare il valore del progetto. In attesa di ulteriori istruzioni e del risultato delle verifiche in corso tra le parti, Saipem non è allo stato nelle condizioni di valutare gli impatti finanziari per il 2021 e conseguentemente di confermare o aggiornare lo scenario di business presentato al mercato il 25 febbraio 2021.Il mercato verrà tempestivamente aggiornato quando la situazione sarà sufficientemente chiara e l’azienda sarà in grado di determinare gli impatti. Il progetto è incluso nel portafoglio ordini al 31 di marzo 2021 per un ammontare di circa 4 miliardi di euro, dei quali circa 1,4 miliardi di euro per attività dal 1 aprile a fine anno 2021.

COVID-19

Saipem, “per la quale la salute delle persone rimane la massima priorità, continua a monitorare la persistente situazione emergenziale e sta incentivando, su base volontaria, il processo di vaccinazione dei propri dipendenti nel Mondo. In particolare, in Italia l’azienda ha avviato per i propri dipendenti, sempre su base volontaria, la campagna vaccinale anti Covid-19 che sarà effettuata da personale sanitario presso strutture aziendali appositamente dedicate e attrezzate. Ad oggi, a fronte di una popolazione di circa 32.000 dipendenti, la percentuale di persone Saipem risultate positive al Covid-19 è stata complessivamente intorno all’11%, il 7% circa delle quali ancora contagiate e sotto costante attenzione da parte dell’azienda.

CAO: SAIPEM HA DIMOSTRATO RESILIENZA E ADATTABILITÀ

L’amministratore delegato, Stefano Cao, ha commentato: “I risultati del primo trimestre 2021 risultano inevitabilmente condizionati dal contesto economico generale, ancora fortemente impattato dall’emergenza pandemica, dal rallentamento delle attività E&C in alcuni progetti e dai recenti avvenimenti in Mozambico. Saipem ha dimostrato in questi anni resilienza e adattabilità nell’affrontare la complessità in scenari sfidanti. L’azienda ha fondamentali solidi per affrontare al meglio le sfide future in un mercato in continua evoluzione”.

LA GESTIONE 2021

I ricavi ammontano a 1.618 milioni di euro (2.172 milioni di euro nel primo trimestre del 2020) e l’EBITDA adjusted ammonta a 88 milioni di euro, (240 milioni di euro nel primo trimestre del 2020).Entrambi gli indicatori, per tutte le divisioni e in particolar modo per le divisioni Offshore, registrano risultati impattati dal rallentamento di alcuni progetti in esecuzione concordato con i clienti e dallo slittamento del contributo dei progetti di recente acquisizione.

Il risultato netto adjusted ammonta ad una perdita di 105 milioni di euro (perdita di 9 milioni di euro nel primo trimestre del 2020). La variazione negativa registrata nel risultato operativo adjusted, 117 milioni di euro, e nella gestione fiscale e delle partecipazioni, 10 milioni di euro, è in parte compensata dal miglioramento del saldo della gestione finanziaria e del risultato di competenza di terzi per un totale di 31 milioni di euro.

Il risultato netto registra una perdita di 120 milioni di euro (perdita di 269 milioni di euro nel primo trimestre del 2020) e sconta rispetto al risultato netto adjusted oneri da riorganizzazione e costi per l’emergenza sanitaria Covid-19 di 15 milioni di euro. Nel corrispondente periodo del 2020 il risultato netto registrava una perdita di 269 milioni di euro e scontava rispetto al risultato netto adjusted svalutazioni di immobilizzazioni materiali della divisione Drilling Offshore per 260 milioni di euro derivanti quasi interamente dal test di impairment.

Gli investimenti tecnici effettuati nel corso del primo trimestre del 2021, principalmente riferiti a interventi di manutenzione e upgrading, ammontano a 67 milioni di euro (59 milioni di euro nel primo trimestre del 2020), e sono così ripartiti: per l’Engineering & Construction Offshore 34 milioni di euro; per l’Engineering & Construction Onshore 2 milioni di euro;
– per il Drilling Offshore 26 milioni di euro; per il Drilling Onshore 5 milioni di euro.

L’Indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2021 ante effetti lease liability IFRS 16 ammonta a 1.101 milioni di euro, registrando un incremento di 229 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2020 (872 milioni di euro), principalmente dovuto al rallentamento di alcuni progetti in esecuzione e allo slittamento del contributo dei progetti di recente acquisizione. L’Indebitamento finanziario netto comprensivo della lease liability IFRS16, pari a 347 milioni di euro, ammonta a 1.448 milioni di euro.

PORTAFOGLIO ORDINI

Nel corso del primo trimestre del 2021, Saipem ha acquisito nuovi ordini per un totale di 1.594 milioni di euro (917 milioni di euro nel primo trimestre del 2020). Il portafoglio ordini al 31 marzo 2021 ammonta a 22.376 milioni di euro (7.088 milioni di euro nell’Engineering & Construction Offshore, 13.279 milioni di euro nell’Engineering & Construction Onshore, 484 milioni di euro nel Drilling Offshore e 1.525 nel Drilling Onshore), di cui 6.147 milioni di euro da realizzarsi nel 2021. Il portafoglio ordini comprensivo di società non consolidate al 31 marzo 2021 ammonta a 25.137 milioni di euro (7.129 milioni di euro nell’Engineering & Construction Offshore, 15.999 milioni di euro nell’Engineering & Construction Onshore, 484 milioni di euro nel Drilling Offshore e 1.525 nel Drilling Onshore), di cui 7.004 milioni di euro da realizzarsi nel 2021.

Saipem segnala ancora opportunità commerciali considerevoli e diversificate anche nei settori green e delle infrastrutture per la mobilità sostenibile e l’estensione per 3 anni (ed ulteriori 3 opzionali) dell’accordo quadro Long Term Agreement (“LTA”) con Saudi Aramco per le attività di E&C offshore convenzionali connesse ai piani di ulteriore sviluppo
di giacimenti esistenti nel Regno. Aggiudicati anche 4 ordini di lavoro per un importo complessivo di competenza Saipem di circa 450 milioni di dollari che rientreranno nel portafoglio ordini del secondo trimestre.

live
Back To Top