skip to Main Content

Shale Oil, in Usa tassi di reinvestimento al minimo storico nel terzo trimestre

Shale Oil

Le proiezioni di Rystad Energy mostrano che il tasso di reinvestimento nello shale Oil Usa scenderà ulteriormente al 40% nel quarto trimestre del 2021.

I tassi di reinvestimento tra i produttori di shale statunitensi hanno toccato il minimo storico nel terzo trimestre del 2021, determinando un flusso di cassa record per il trimestre e si prevede che diminuiranno ancora entro la fine dell’anno secondo un’analisi di Rystad Energy. L’analisi si è concentrata su un gruppo di 21 produttori pubblici di shale oil degli Stati Uniti, escluse le major, che insieme rappresentano il 40% della produzione prevista per il 2021.

TASSO DI REINVESTIMENTO AL 46% MA IN CALO RISPETTO AL 2020

Il tasso di reinvestimento combinato del gruppo di pari nel terzo trimestre del 2021 è stato del 46%, in calo rispetto al 53% rispetto allo stesso periodo del 2020 e molto inferiore alla media storica superiore al 130%, ha evidenziato la società di consulenza energetica.

L’analisi mostra una spesa sottodimensionata “di 7 miliardi di dollari da parte dei produttori di shale nel terzo trimestre del 2021, confrontando gli investimenti in petrolio e gas con i CFO” cioè i flussi di cassa delle operazioni. “Gli operatori sono riusciti ad aumentare leggermente gli investimenti trimestrali del gruppo nel terzo trimestre di quest’anno a 5,9 miliardi di dollari, da 5,3 miliardi nel trimestre precedente, aumentando ulteriormente il CFO a 12,8 miliardi. Tutti gli operatori tranne uno hanno bilanciato la spesa nel terzo trimestre di quest’anno, raggiungendo un nuovo livello di bilanciamento di cassa a livello di settore”, sottolinea Rystad Energy.

LUKASH: REINVESTIMENTO BASSO A CAUSA DEL FLUSSO DI CASSA LIBERO DA RECORD

“Un tasso di reinvestimento così basso si distingue per gli osservatori del settore dello shale, soprattutto perché il gruppo ha riportato un flusso di cassa libero (FCF) da record e utili prima di interessi, tasse, deprezzamento e ammortamento (EBITDA) di 6 e 16 miliardi di dollari, rispettivamente . Ma non è la fine della diapositiva del reinvestimento”, ha affermato Alisa Lukash, vicepresidente per lo scisto nordamericano di Rystad Energy.

SI PREVEDE UN’ULTERIORE DISCESA DEL TASSO DI REINVESTIMENTO NELLO SHALE OIL

Le proiezioni di Rystad Energy mostrano che il reinvestimento scenderà ulteriormente al 40% nel quarto trimestre del 2021. Inoltre, per la prima volta dalla fine del 2018, il debito netto combinato del gruppo è sceso al di sotto della soglia media di otto anni di 52 miliardi di dollari, arrivando a 51 miliardi nel terzo trimestre con un costante declino dei rapporti di leva finanziaria, in linea con gli ultimi tre trimestri.

RYSTAD ENERGY REGISTRA UN AUMENTO DELLA SPESA

“I risultati del terzo trimestre mostrano che diversi grandi operatori indipendenti hanno aumentato la spesa in linea con un altro trimestre finanziariamente solido, in parte a causa della forte ripresa dei prezzi del greggio West Texas Intermediate (WTI)”, ha evidenziato ancora il report di Rystad Energy che ha sottolineato come l’utile netto combinato del terzo trimestre del gruppo è stato di 5,3 miliardi, i”l doppio del reddito guadagnato nel secondo trimestre del 2021 e significativamente superiore alle perdite considerevoli di 6 miliardi e 2,1 miliardi rispettivamente nel terzo e quarto trimestre del 2020”.

Infine, “i pagamenti dei dividendi sono aumentati del 70%” e per la prima volta dalla fine del 2018, il gruppo “ha ridotto il debito netto combinato al di sotto della soglia media di otto anni di 52 miliardi di dollari, registrando 51 miliardi di dollari per il terzo trimestre di quest’anno”, ha osservato la società di consulenza in chiusura.

Back To Top