Scenari

Shale Usa, indebitamento top per gas e petrolio. Il report Rystad Energy

Shale

Nell’attuale contesto dei prezzi, Rystad Energy prevede che seguiranno altri fallimenti quest’anno, aumentando il debito cumulativo associato nel settore shale e portandolo a una cifra sbalorditiva di oltre 100 miliardi di dollari.

Il debito associato ai fallimenti nei settore shale di petrolio e gas nordamericano nel 2020 ha già raggiunto il massimo storico ed è destinato a crescere ulteriormente quest’anno sotto l’ondata delle richieste di Chapter 11 (che riguarda appunto i fallimenti nella legislazione Usa). È quanto evidenzia un report di Rystad Energy effettuato analizzando i dati del settore dallo studio legale Haynes e Boone.

DEBITO PIU’ ALTO DEL 2016 CON MENO FALLIMENTI

Sebbene il conteggio combinato delle dichiarazioni del Chapter 11 da società di esplorazione e produzione (E&P) e società di servizi per giacimenti petroliferi (OFS) quest’anno in Nord America abbia finora raggiunto il numero di 84, inferiore al massimo storico di 142 nel 2016, il debito associato a queste società è molto più alto, pari a 89 miliardi di dollari finora, circa 19 miliardi in più rispetto al 2016.

Nell’attuale contesto dei prezzi, Rystad Energy prevede che seguiranno altri fallimenti quest’anno, aumentando il debito cumulativo associato e portandolo a una cifra sbalorditiva di oltre 100 miliardi di dollari.

PREZZI DI PETROLIO E GAS FANNO PRESAGIRE NUOVI FALLIMENTI E DEBITI

Ipotizzando una media WTI di circa 40 dollari al barile quest’anno e un prezzo all’Henry Hub per il gas di 3 dollari per MMcf, Rystad Energy prevede che i fallimenti del settore E&P nordamericani saliranno a 55 entro la fine dell’anno, dagli attuali 40, aggiungendo circa 15 miliardi di dollari di debito totale cumulato. E questo esclude possibili aggiunte di debiti associati a nuovi fallimenti di società OFS, che attualmente si attestano a 44 casi.

In questo scenario, si prevede che il debito associato per queste 55 dichiarazioni Chapter 11 del settore E&P quest’anno raggiungerà i 69 miliardi di dollari. Se questi livelli di prezzo dovessero persistere nel 2021, Rystad Energy prevede 54 nuovi fallimenti nel comparto E&P, con un debito associato di circa 44 miliardi di dollari. In uno scenario più pessimistico che ipotizza un prezzo Henry Hub di 2,5 dollari per MMcf, i fallimenti di aziende E&P potrebbero salire a 61 casi quest’anno e a 68 nel 2021.

L’ATTUALE ONDATA DI FALLIMENTI NEL SETTORE SHALE È DIVERSA DAL 2016

In termini di numero di casi del Chapter 11, è improbabile che vedremo mai una ripetizione del 2016, quando in Nord America sono state registrate 142 fallimenti. La precedente flessione del mercato ha causato gravi difficoltà finanziarie a un gran numero di piccoli produttori e fornitori, compresi molti che erano attivi nelle operazioni convenzionali di petrolio e gas che hanno finito per chiudere definitivamente le loro attività.

L’attuale ondata di fallimenti è diversa e sta colpendo un numero significativo di aziende più grandi in più segmenti di business. Nei primi nove mesi dell’anno, il debito medio delle aziende che hanno aderito al Chapter 11 è stato di 1,05 miliardi di dollari, quasi il doppio rispetto al livello del 2017 di 576 milioni di dollari.

LA MEDIA DEL DEBITO

Sia i fallimenti di E&P che quelli di OFS stanno dimostrando in media una dimensione del debito record finora quest’anno, di 1,34 miliardi di dollari per E&P e 792 milioni di dollari per OFS. Tuttavia, il debito totale del Chapter 11 per l’intero anno per i gruppi E&P e OFS separatamente deve ancora battere il precedente record di 56,8 miliardi di dollari per E&P nel 2016 e 35,3 miliardi di dollari nel 2017 per OFS. Molto probabilmente entrambi questi record verranno superati nel 2020 dopo la fine del quarto trimestre.

DUBBI SULLA CAPACITA’ DI ONORARE IL DEBITO NEL 2021-2022

“Sebbene i fondamentali del mercato del petrolio e del gas siano migliorati in modo significativo ora rispetto ad aprile-maggio, riteniamo che l’ondata di bancarotta del Nord America non sia ancora finita. Un numero significativo di produttori pubblici e privati di piccole e medie dimensioni sta ancora affrontando sfide finanziarie nell’attuale contesto dei prezzi e rimangono dubbi sulla loro capacità di onorare il loro debito nel 2021-2022″, afferma Artem Abramov, Head of Shale Research di Rystad Energia.

“Concludiamo che mentre quest’anno potrebbe vedere il picco del numero di casi del Chapter 11, sarà sicuramente il picco in termini di debito totale, con il debito medio per caso il prossimo anno che dovrebbe diminuire sostanzialmente. Tuttavia, sosteniamo che il numero di dichiarazioni rimarrà comunque al di sopra del livello registrato nel 2019 nei prossimi due anni, poiché il settore continua a navigare attraverso un difficile contesto di mercato”, ha concluso Rystad Energy.