skip to Main Content

Stati Uniti e Ue cercano un impegno globale per ridurre le emissioni di metano entro il 2030

Metano

L’accordo richiede un taglio del 30% a livello mondiale delle emissioni causate dall’uomo del metano che è un potente gas serra

Come riporta il The Wall Stree Journal, i funzionari degli Stati Uniti e dell’Unione europea stanno elaborando un accordo per ridurre le emissioni globali di metano di quasi un terzo entro il 2030, spingendo diverse delle più grandi economie del mondo ad unirsi a loro, dichiarano alcune fonti vicine alla questione.

IL GLOBAL METHANE PLEDGE

L’accordo segnerebbe il primo impegno globale per tagliare le emissioni di metano, un gas meno diffuso del biossido di carbonio nell’atmosfera ma molto più potente nell’intrappolare il calore. Chiamato “Global Methane Pledge”, l’accordo non richiede obiettivi specifici per paese, ma domanda che i firmatari sostengano uno sforzo per ridurre le emissioni globali di metano causate dall’uomo di almeno il 30% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2020, ha detto una delle fonti.

L’ANNUNCIO VENERDI’

I funzionari degli Stati Uniti e dell’Ue hanno accettato l’accordo e prevedono di annunciare i loro impegni venerdì in un vertice virtuale sul clima che il presidente Biden sta ospitando prima dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite della prossima settimana, dichiara un’altra persona che ha familiarità con l’iniziativa.

IMPEGNO A COINVOLGERE CINA, RUSSIA E ALTRI GRANDI PRODUTTORI

I responsabili stanno lavorando per far sì che la Cina, la Russia e altri grandi produttori di petrolio e gas si uniscano all’impegno come una pietra miliare per i colloqui internazionali sul clima che si terranno a Glasgow, in Scozia, a novembre, hanno dichiarato diverse fonti. La notizia dell’accordo è stata riportata in precedenza da Reuters.

PERCHÉ IL METANO

Le proprietà del metano come gas serra che trattiene il calore sono almeno 25 volte più forti di quelle dell’anidride carbonica, hanno stimato gli scienziati. L’Intergovernmental Panel on Climate Change, un organismo delle Nazioni Unite, in agosto ha dichiarato che la riduzione delle emissioni di metano sarebbe uno dei modi più efficaci e immediati per rallentare il cambiamento climatico.

Le politiche mirate di riduzione delle emissioni di metano potrebbero ricadere più pesantemente sulle compagnie petrolifere e del gas, tra le fonti principali. Il metano può fuoriuscire nell’atmosfera da perdite nei siti di perforazione e stoccaggio o mentre si muove attraverso milioni di chilometri di condutture sulla sua strada verso i clienti, comprese le centrali elettriche e i proprietari di case che si riscaldano con il gas naturale. Anche l’agricoltura e le industrie di gestione dei rifiuti rappresentano fonti significative di emissioni di metano.

COSA FA L’EPA IN USA

In concomitanza con l’accordo, i funzionari dell’EPA lavorano per definire le nuove regole sotto il Clean Air Act volte a tagliare le perdite di metano dagli impianti di produzione di petrolio e gas naturale degli Stati Uniti. Nuove disposizioni sono attese già da questo autunno, potenzialmente incorporando più ispezioni o tecnologie di monitoraggio per prevenire e fermare le perdite.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

Back To Top