Scenari

Vertice Ue, Dibattito su bilancio a lungo termine, Stato di diritto e clima

Ue

Gli eurodeputati hanno accolto con favore gli accordi su QFP, Recovery e obiettivi climatici, ma hanno chiesto che il meccanismo sullo Stato di diritto sia applicato in modo rigoroso.

“Abbiamo lavorato 24 ore su 24. I negoziati sono stati intensi, ma ci siamo assunti la responsabilità, abbiamo superato gli ostacoli e ci siamo riuniti per il bene dell’Europa”, ha detto il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. “Questo accordo rappresenta un importante passo avanti”. Ora abbiamo le risorse, abbiamo rafforzato lo Stato di diritto con una nuova ed efficace legislazione e abbiamo deciso di rafforzare i nostri obiettivi climatici per il 2030″. Ha inoltre sottolineato i progressi compiuti nella lotta contro la pandemia, nelle vaccinazioni e nella ripresa economica. “L’Europa è più forte e pronta a raccogliere la sfida COVID-19”, ha aggiunto.

La Presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha sottolineato che Next Generation EU “porterà alla più ambiziosa revisione dell’economia europea degli ultimi decenni”. Per quanto riguarda il meccanismo sullo Stato di diritto, ha sottolineato che l’accordo con il Parlamento non è stato riaperto e che le conclusioni del Consiglio “non cambiano la normativa”. La Presidente della Commissione ha inoltre elogiato l’obiettivo di riduzione del 55% delle emissioni di gas serra. Per quanto riguarda le future relazioni UE-Regno Unito, ha sottolineato che non può dire “se ci sarà o meno un accordo, ma c’è un percorso per un accordo – stretto, ma c’è”, nonostante le differenze che permangono sulla parità di condizioni e sulla pesca. Per quanto riguarda i vaccini COVID-19, ha affermato che l’obiettivo è quello di iniziare le vaccinazioni lo stesso giorno in tutti i paesi dell’UE.

Per la Presidenza tedesca del Consiglio, il Ministro di Stato Michael Roth ha affermato che l’Europa ha imparato la lezione del passato: “La solidarietà è la via d’uscita dalla crisi, non lasciamo nessuno indietro”. Ha sottolineato che l’Europa è molto più di un semplice mercato interno e che “non è cambiata una sola parola rispetto a quanto precedentemente negoziato” nella regolamentazione dello Stato di diritto. Per quanto riguarda il QFP e il Fondo di ripresa, ha dichiarato che dal prossimo anno il denaro può arrivare alle persone e alle regioni che hanno sofferto e che l’Europa “ha mantenuto la parola data”.

Manfred Weber (PPE, DE) ha accolto con favore il raggiungimento dell’accordo sul bilancio a lungo termine dell’UE. “Ora abbiamo un sacco di soldi sul tavolo, 1,8 trilioni di euro, prima di tutto da utilizzare per la solidarietà”. Ha anche apprezzato il meccanismo sullo Stato di diritto, affermando che “per la prima volta abbiamo un legame tra il denaro dell’UE e il rispetto dei principi fondamentali dell’UE”. “Ora ci aspettiamo che la Commissione sia pronta ad applicare queste regole in modo indipendente, a partire dal 1° gennaio, sulla base dei fatti”.

“La pandemia COVID-19 ci ha costretti a reinventarci”, ha detto Iratxe Garcia Perez (S&D, ES). Si tratta di risultati senza precedenti, ha aggiunto, citando il Quadro Finanziario Pluriennale, e il meccanismo sullo Stato di diritto, che “rende più forti i nostri valori”. Ha anche apprezzato il “primo sistema di bonus sociali dell’UE” e il Fondo per la ripresa. “Abbiamo imparato la lezione della crisi del 2008 – l’austerità non può essere la soluzione, non possiamo lasciare fuori chi ha più bisogno”, ha concluso.

Dacian Ciolos (Renew, RO), ha detto che il 2020 ha messo in luce i punti deboli del progetto europeo. C’è stata una mancanza di coordinamento e di solidarietà; le frontiere sono state chiuse. Tuttavia, l’Europa ha lavorato duramente per reagire alla crisi, citando il Fondo di ripresa e lo sviluppo di un vaccino. “Abbiamo dimostrato di essere più efficaci quando siamo uniti e quando condividiamo le priorità”, ha sottolineato. Per quanto riguarda lo Stato di diritto, ha accolto con favore la dichiarazione della Presidente della Commissione secondo cui la legge concordata prevale sulla dichiarazione.

Marco Zanni (ID, IT) ha criticato il meccanismo sullo Stato di diritto dicendo che l’accordo è ambiguo e include minacce alla sovranità nazionale che sono estremamente preoccupanti. “L’unanimità è l’unico modo democratico che tutela chi la pensa in maniera diversa. Si vuole imporre una dittatura del pensiero unico e delegittimare chi non si allinea.” La maggioranza europea festeggia oggi, vittima di miopia e tracotanza politica, ha concluso.

Ska Keller (Verdi/ALE, DE) ha dichiarato: “È bello vedere che finalmente, all’undicesima ora, il Consiglio europeo ha dato il via libera per sostenere i cittadini e le economie colpite duramente dalla pandemia”. Tuttavia, “ci sono alcune tendenze preoccupanti dietro queste decisioni. Le ultime settimane hanno visto i governi di Ungheria e Polonia ostacolare e tenere in ostaggio il Fondo per la ripresa per la propria agenda antidemocratica”, ha aggiunto. Ska Keller ha poi affermato che “l’obiettivo delle azioni per il clima del 2030 è ancora molto lontano da ciò che, secondo il consenso scientifico, è necessario”.

Johan Van Overtfeldt (ECR, BE) ha accolto con favore l’accordo raggiunto sul QFP, sostenendo che le priorità del PE hanno trovato la loro collocazione nell’accordo finale, ma ha aggiunto: “Avremmo però potuto fare di più per concentrare il bilancio UE sul futuro, mentre i costi della pandemia e la gestione del cambiamento climatico non sono stati presi in considerazione a sufficienza”.

Manon Aubry (La Sinistra, FR) ha affermato che “il Cappuccetto Rosso dell’UE è stato mangiato dal lupo di Orbán”, deplorando come le ambizioni dichiarate dell’UE, per esempio sulla protezione della democrazia, dei diritti umani o del clima, non corrispondano alle sue azioni. Ha poi criticato l’accordo di bilancio a lungo termine dell’UE, che ha finito per essere inferiore di oltre 200 miliardi di euro rispetto alla posizione originaria del PE, portando meno investimenti per agricoltura, istruzione, ricerca, ambiente e salute.