Territori

Zohr produce a ritmi da record nel 2018

Secondo Rosneft, una delle aziende del consorzio che sfruttano il giacimento egiziano, tra le quali spicca Eni, il campo ha prodotto 12,2 miliardi di metri cubi di gas lo scorso anno

Nel 2018 la produzione di gas dal giacimento egiziano di Zohr, sviluppato dal consorzio Eni, Rosneft, BP e Mubadala insieme alle compagnie egiziane del petrolio e del gas, è stata di 12,2 miliardi di metri cubi. Lo ha comunicato la russa Rosneft in una nota sul suo sito.

NEL SECONDO SEMESTRE IL BOOM

egittoRosneft ha ammesso, inoltre, che nel secondo semestre 2018, la produzione è aumentata di quasi quattro volte rispetto al risultato del primo semestre, che ammontava a 3,1 miliardi di metri cubi di gas.

LO SVILUPPO PROCEDE IN ANTICIPO RISPETTO AI TEMPI PREVISTI

Dopo l’avvio del campo nel dicembre 2017, il suo sviluppo procede in anticipo rispetto ai tempi previsti. Nel corso del 2018, la capacità di trattamento del progetto Zohr è stata continuamente aumentata da 11,3 milioni di metri cubi giornalieri agli attuali 56,6 milioni di metri cubi giornalieri di gas, precedentemente pianificati secondo il piano di sviluppo e il contratto di vendita del gas.

ENTRO FINE 2019 LA CAPACITÀ MASSIMA PREVISTA DI 76 MILIONI DI METRI CUBI AL GIORNO

Entro la fine del 2019, la produzione di gas dovrebbe raggiungere la capacità prevista dal progetto di 76 milioni di metri cubi al giorno.