skip to Main Content

Angola, Eni firma per il 48% di Cabinda North

Angola

Firmato un doppio accordo tra Eni e la Repubblica di Angola per l’assegnazione dei diritti del blocco onshore di Cabinda North

 

eniSiglato un accordo tra l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, e il Presidente di Sonangol, Carlos Saturnino per l’assegnazione all’azienda italiana del 48% dei diritti del blocco onshore di Cabinda North, nella Repubblica di Angola, di cui Eni – presente in Angola da 1980 tramite la controllata Eni Angola – diventa operatore.

Sarà possibile per l’azienda sfruttare le conoscenze minerarie – acquisite dalle attività minerarie in aree adiacenti quali la Repubblica del Congo – per esplorare il bacino petrolifero nel blocco angolano.

L’annuncio è stato dato da Eni in una nota: la firma è avvenuta a Luanda, alla presenza del Presidente della Repubblica di Angola Joao Goncalves Lourenco e del Premier italiano Paolo Gentiloni.

Le due aziende hanno firmato anche un Memorandum of Understanding per per progetti comuni per lo studio di misure utili all’ottimizzazione del settore delle raffinerie e trading in Angola, associato e non associato nell’offshore angolano per la sua commercializzazione sul mercato,  la valutazione di opportunità nel settore delle rinnovabili, in particolare del fotovoltaico, la valutazione delle risorse a gas, l’ottimizzazione delle attività di esplorazione e l’individuazione di nuove possibilità di esplorazione congiunta.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore