Scenari

Aramco sopravvalutata? Sì secondo i gestori dei fondi

Aramco

L’indagine su Aramco è stata condotta da Bernstein tra 31 gestori patrimoniali con un patrimonio di 3,8 trilioni di dollari

Si allunga la lista delle brutte notizia per Aramco. Il giorno prima dell’annuncio da parte della società saudita del prezzo finale delle azioni che quoterà sulla borsa saudita, un sondaggio tra i gestori di fondi ha dimostrato che la maggior parte di loro crede che l’azienda sia sopravvalutata di almeno il 35%. L’indagine è stata condotta da Bernstein tra 31 gestori patrimoniali con un patrimonio di 3,8 trilioni di dollari, come riportato da Fortune.

IMPROBABILE UNA CORSA ALL’ACQUISTO

La conclusione dell’indagine condotta Bernstein evidenzia quanto detto ormai da mesi numerosi osservatori: che è improbabile un interesse ampio per le azioni Aramco tra gli investitori internazionali a causa delle troppe incertezze che ruotano attorno alla major saudita, compresa la mancanza di trasparenza a cui sono abituati gli investitori internazionali.

I PIANI DI QUOTAZIONE SONO CAMBIATI

Quando Aramco il mese scorso ha annunciato una fascia di prezzo per il suo flottante, ha di fatto attribuito alla società una valutazione di circa 1,7 trilioni di dollari. Si tratta di 300 miliardi di dollari in meno rispetto all’obiettivo originale di valutazione che il principe ereditario Mohammed stava cercando per Aramco. Ma significherebbe comunque proventi dall’Ipo nell’ordine di 100 miliardi di dollari nel caso in cui il 5 per cento venisse collocato in borsa. Tuttavia, a quanto risulta ai media internazionali, il piano originale è cambiato: Aramco offrirà l’1,5% delle sue azioni la prossima settimana, e le offrirà quasi esclusivamente agli investitori sauditi. Dopodiché, Aramco potrebbe quotare anche più del 5 per cento inizialmente previsto e arrivare addirittura fino al 10 per cento.

QUOTAZIONI DI ARAMCO TRA 2,3 E 1,2 TRILIONI DI DOLLARI

Goldman Sachs, uno degli organizzatori dell’Ipo, ha valutato Aramco anche più di Riad: 2.300 miliardi di dollari. Altri, tuttavia, l’hanno valutato a soli 1,2 trilioni di dollari. Tra questi estremi, ci sono una miriade di altre cifre. Ma naturalmente nessuna è importante se mancano gli acquirenti. Fortunatamente per Aramco, ci sono molte persone disposte ad acquistare quote. La settimana scorsa Aramco ha riferito di aver attirato offerte per un valore di 44,3 miliardi di dollari nel termine previsto per gli investitori al dettaglio per esprimere interesse per la quotazione. Naturalmente mancano ora gli investitori istituzionali locali e regionali.

ABU DHABI E KUWAIT IN PRIMA LINEA PER L’ACQUISTO DI AZIONI

L’Autorità per gli investimenti di Abu Dhabi, il fondo sovrano del paese, acquisterà azioni per un valore di 1 miliardo di dollari. Anche il fondo sovrano kuwaitiano, secondo fonti anonime di Reuters, si è impegnato per 1 miliardo di dollari di azioni. Altre fonti hanno detto che entrambi gli impegni erano addirittura più alti, e compresi tra 1,5 e 2 miliardi di dollari ciascuno.