skip to Main Content

Cosa sta facendo la Cina con le emissioni di CO2

Cina Energia

Il lancio del nuovo mercato per i crediti di CO2 in tutta la Cina nell’ultimo mese mostra che Pechino è, in effetti, estremamente seria riguardo ai suoi impegni di decarbonizzazione.

Alla fine dell’anno scorso il presidente cinese Xi Jinping ha annunciato che il suo paese avrebbe raggiunto il picco delle emissioni interne di gas serra entro la fine del decennio e che la Cina avrebbe portato la sua impronta di carbonio fino allo zero netto entro il 2060. Gli obiettivi sono tanto tempestivi quanto ambiziosi; secondo l’Intergovernmental Panel on Climate Change (la principale autorità mondiale in materia) abbiamo solo un decennio per tagliare le nostre emissioni di emissioni drasticamente per evitare i peggiori effetti del cambiamento climatico.

LA CINA È IL PIU’ GRANDE EMETTITORE DEL MONDO

GnlL’annuncio cinese rappresenta, dunque, una notizia importante visto che il paese asiatico è il più grande emettitore di gas a effetto serra del mondo. Tuttavia, rimane un considerevole divario – anzi, un abisso – tra la retorica di Pechino sul clima e le emissioni effettive e previste del paese.

La Cina attualmente produce circa un terzo delle emissioni totali di carbonio del mondo ogni anno (per un totale di oltre 10 gigatonnellate), come emerge da Oilprice, con circa un terzo di queste emissioni provenienti direttamente dal carbone. In sostanza, mentre da un lato Pechino ha accelerato la crescita della produzione interna di energia pulita negli ultimi anni, la seconda economia mondiale dipende ancora dal combustibile fossile per oltre la metà della sua produzione di energia nel futuro prossimo. Infatti, nello stesso momento in cui il presidente Xi ha pubblicizzato gli obiettivi climatici di Pechino, gran parte del paese è tornata al carbone per motivi di sicurezza energetica ed economica.

EPPURE STA PUNTANDO SUL CARBONE

A partire dall’anno scorso, secondo un rapporto di Forbes, la Cina stava aggiungendo o pianificando di aggiungere più capacità a carbone rispetto all’attuale capacità totale degli Stati Uniti o dell’India. E questo è solo per quanto riguarda il mercato interno: la Cina, infatti, ha notevolmente aumentato anche la produzione di carbone all’estero .

LA RIPRESA DALLA PANDEMIA NON AIUTA

E andrà sempre peggio. La Cina è stata l’unica grande potenza economica che è riuscita a raggiungere un minimo di crescita economica anche se la pandemia ha decimato molti mercati globali e il rimbalzo economico del paese è direttamente in contrasto con i suoi obiettivi di decarbonizzazione. La domanda allora è: cosa farà la Cina?

AL VIA IL MERCATO DEI CREDITI CO2 emissioni

Il lancio del nuovo mercato per i crediti di CO2 in tutta la Cina nell’ultimo mese mostra che Pechino è, in effetti, estremamente seria riguardo ai suoi impegni di decarbonizzazione. Al momento migliaia di centrali elettriche in tutta la Cina stanno cumulando le loro emissioni di carbonio dell’anno scorso – compito non da poco – in una “contrazione collettiva dei muscoli burocratici” che “potrebbe alla fine emergere come lo strumento più potente della Cina per decarbonizzare la sua gargantuesca economia alimentata a carbone” ha riportato Forbes questa settimana.

Questo conteggio è solo il primo passo di uno schema di scambio di crediti di carbonio estremamente ambizioso che sarà il più grande del suo genere una volta che sarà attivo e funzionante. Alle società elettriche cinesi verranno assegnati crediti che consentono all’azienda di emettere una certa quantità di emissioni di gas serra. Le aziende che superano la loro assegnazione dovranno pagare, mentre le aziende che frenano le loro emissioni e hanno crediti extra potranno vendere quelli sul mercato alle aziende che ne hanno bisogno, dando così alle compagnie elettriche un doppio incentivo a ridurre le emissioni.

ANNI PER L’IMPLEMENTAZIONE COMPLETA

Il tanto atteso programma cinese è finalmente stato lanciato il 1 febbraio, ma richiederà anni per essere implementato completamente. Per ora, il progetto consiste principalmente nell’ottenere una lettura accurata dei dati sulle emissioni, che in passato è stato un grosso problema, con una lunga storia di false segnalazioni oltre al normale errore umano. Al fine di incoraggiare un reporting accurato, il programma offre alle aziende limiti estremamente elevati per le emissioni di carbonio e commissioni estremamente basse per il superamento di tali limiti. Solo una volta acquisiti dati affidabili sulle emissioni, Pechino inizierà a ridurre i numeri per incoraggiare le aziende a ridurre le emissioni sul serio.

Sebbene il programma sia stato criticato per avere una portata molto più limitata di quanto originariamente promesso (inizialmente lo schema di credito era stato progettato per applicarsi a una serie di settori economici, non solo al settore energetico), gli esperti vedono il lancio come l’inizio della migliore scommessa della Cina per raggiungere i suoi obiettivi di emissioni.

Back To Top