skip to Main Content

Divario investimenti tra Oil&Gas ed eolico offshore sempre più stretto. Il report Rystad Energy

Eolico

La spesa per l’ eolico offshore supererà petrolio e gas in più regioni entro il 2030. Ecco quali

La spesa per l’eolico offshore sta colmando sempre più il divario rispetto agli investimenti in petrolio e gas e si prevede che li supererà in diversi mercati chiave entro il 2030. È quanto indica un’analisi di Rystad Energy.

PUNTO DI SVOLTA PRIMA DELLA FINE DEL DECENNIO

Mentre la spesa globale di Oil and Gas aumenterà nominalmente durante lo lasso di tempo, la crescita prevista degli investimenti eolici offshore porterà Europa, Stati Uniti e Asia (esclusa la Cina) al punto di svolta prima della fine del decennio, ha evidenziato la ricerca della società di consulenza.

DIMENSIONE MERCATO EOLICO OFFSHORE A 87 MILIARDI ENTRO IL 2030

“Sebbene prevediamo che la spesa globale per Oil and gas offshore aumenterà marginalmente a più di 140 miliardi di dollari entro il 2030, si prevede che il settore eolico offshore raggiungerà una dimensione di mercato di 87 miliardi di dollari nello stesso periodo, un aumento del 70% rispetto al valore di mercato del 2021 di 50 miliardi di dollari. Inoltre, le stime mostrano che meno di 10 miliardi di dollari separeranno gli investimenti greenfield offshore per gli investimenti Oil and Gas e gli investimenti eolici offshore entro il 2030”, ha sottolineato Rystad Energy.

L’EUROPA LA PIU’ GRANDE REGIONE EOLICA OFFSHORE ENTRO IL 2030

Secondo la società di consulenza energetica, “i paesi e le regioni che daranno la priorità all’eolico offshore vedranno un graduale declino degli investimenti di petrolio e gas offshore e l’inevitabile crossover. La Cina e il Regno Unito, le due più grandi nazioni eoliche offshore per capacità operativa, hanno già raggiunto questo punto di incrocio rispettivamente nel 2017 e nel 2020. Si prevede che l’Europa diventerà la più grande regione eolica offshore del mondo entro il 2030, con 119 gigawatt (GW) di capacità. Il punto di attraversamento continentale dovrebbe arrivare nel 2026, mentre gli investimenti eolici offshore nella sola Danimarca dovrebbero superare Oil and Gas già il prossimo anno”.

LA CRESCITA PIU’ RAPIDA NELL’EOLICO OFFSHORE USA, CINA IL PRIMO MERCATO AL MONDO

Tra i paesi e le regioni analizzati da Rystad Energy, “il settore eolico offshore degli Stati Uniti vedrà la crescita più rapida degli investimenti, anche se da livelli molto bassi nel 2020. Allo stesso tempo, l’attività eolica offshore è in aumento in Cina, ma il paese vedere gli investimenti diminuire verso il 2030 con l’eliminazione graduale delle tariffe incentivanti (FiT) dal 2022 in poi. Tuttavia, si prevede che i significativi investimenti in corso renderanno la Cina il più grande mercato eolico offshore al mondo, con 58 GW di capacità installata nel 2030”.

FLØTRE: LE SOCIETÀ DI SERVIZI OFFSHORE DOVRANNO MONITORARE DA VICINO LA TENDENZA

“Per rimanere rilevanti in un mercato in evoluzione, le società di servizi offshore dovranno monitorare da vicino questa tendenza mentre elaborano strategie a lungo termine che le posizionino per una transizione graduale nell’eolico offshore, consentendo loro di trarre vantaggio da quella che promette di essere una crescita importante industria”, ha affermato Alexander Dobrowen Fløtre, esperto di eolico offshore e vicepresidente di Rystad Energy.

PER EUROPA E ASIA TENDENZE OPPOSTE

Rystad Energy prevede che due regioni vedranno tendenze chiare e opposte tra i due settori: Europa e Asia (esclusa la Cina). “Per l’Europa, i livelli di investimento nell’eolico offshore sono da tempo elevati, il che la rende la regione eolica offshore più matura al mondo con 25,7 GW di capacità operativa – ha evidenziato la società di consulenza -. Con il calo degli investimenti Oil and Gas offshore e i tagli al budget da parte delle società di esplorazione e produzione durante la pandemia, si prevede che i livelli degli investimento di entrambi i settori si intersecheranno quasi nel 2022. Tuttavia, la leggera ripresa di petrolio e gas nel periodo post-pandemia, assieme a un temporaneo rallentamento della crescita degli investimenti eolici offshore a causa delle tempistiche di progetto, il punto di attraversamento non dovrebbe verificarsi in Europa prima del 2026.Da quel momento in poi, i mercati dell’eolico offshore e dell’Oil and Gas offshore dovrebbero separarsi in termini di livelli di investimento”.

RAPIDA CRESCITA PER L’ASIA (ESCLUSA LA CINA) DURANTE QUESTO DECENNIO

L’industria eolica offshore in Asia (esclusa la Cina) è ancora agli inizi, “ma si prevede che la capacità vedrà una rapida crescita durante il decennio. Nel breve-medio termine, si prevede che i parchi eolici intertidali (near-shore, in acque poco profonde) in Vietnam e l’eolico offshore convenzionale a Taiwan guideranno gli investimenti verso il 2025. Prevediamo che principalmente Giappone e Corea del Sud contribuiranno alla crescita settoriale nella seconda metà del decennio. Con il calo degli investimenti Oil and Gas offshore, il punto di attraversamento dovrebbe avvenire nel 2028”, ha sottolineato Rystad Energy.

REGNO UNITO IN CIMA AL MONDO PER L’EOLICO OFFSHORE

Paesi diversi hanno storie diverse e alcuni hanno già visto gli investimenti eolici offshore superare quelli di petrolio e gas. “Il Regno Unito è attualmente la più grande nazione eolica offshore al mondo, con circa 10,5 GW di capacità operativa. Allo stesso tempo, la piattaforma continentale del Regno Unito è una regione Oil and gas offshore matura in cui molti giacimenti sono già stati dismessi – ha evidenziato ancora il report Rystad Energy -. Sebbene i livelli di investimento nei due settori si siano intersecati in precedenza, il punto di attraversamento più permanente si è verificato nel 2020. Poiché il Regno Unito punta a 40 GW di capacità eolica offshore entro il 2030, si prevede che i livelli di attività rimarranno elevati, il che significa che il paese rimarrà il più grande del mercato” in questo settore fino alla fine del decennio

LA SITUAZIONE CINESE

“Il limitato settore O&G offshore in acque poco profonde della Cina ha visto livelli di investimento piatti di circa 5 miliardi di dollari all’anno. Allo stesso tempo, gli investimenti eolici offshore sono cresciuti rapidamente dal 2015, grazie anche a politiche di sostegno. Di conseguenza, la Cina ha raggiunto il suo punto di passaggio nel 2017. Sebbene l’attività eolica offshore rallenti probabilmente una volta che gli attuali investimenti diminuiranno, si prevede che il settore rimarrà più grande dell’O&G offshore per tutto questo decennio”, ha spiegato la società di consulenza norvegese.

COSA SUCCEDE IN DANIMARCA

La Danimarca ha avuto un’attività Oil and Gas offshore limitata ed è stata uno dei primi promotori del settore eolico offshore. Nonostante ciò, attualmente è solo quarta in Europa in termini di capacità operativa, con 2,3 GW, a causa dei suoi parchi eolici relativamente piccoli. “Le due industrie si sono rincorse a vicenda negli ultimi anni, ma bisognerà attendere la fine del 2022 per vedere gli investimenti nell’eolico offshore superare l’O&G offshore”. Ciò grazie alle gare attualmente bandite dal paese che prevedono “obiettivi a lungo termine di oltre 10 GW di capacità eolica offshore aggiuntiva”.

GLI STATI UNITI

“Gli Stati Uniti, hanno visto un calo dei livelli di investimento Oil and gas, con livelli di capex che dovrebbero scendere sotto i 10 miliardi di dollari dal 2023 in poi. Allo stesso tempo, l’amministrazione Biden ha fissato un ambizioso obiettivo eolico offshore federale di 30 GW entro il 2030”. Rystad Energy si aspetta che gli Stati Uniti “non raggiungano l’obiettivo dichiarato, la nostra previsione di 21 GW entro il 2030 comporterà comunque investimenti in rapido aumento tra 8 e 10 miliardi di dollari dal 2025 al 2030. Sebbene si preveda che gli investimenti eolici offshore scendano al di sotto di quelli di petrolio e gas offshore nel 2030, a seguito di una leggera ripresa in quest’ultimo settore, l’eolico offshore negli Stati Uniti vedrà di nuovo livelli di capex maggiori rispetto ai fossili dopo 2030, poiché gli investimenti upstream diminuiranno”, ha concluso la società di consulenza energetica.

Back To Top