skip to Main Content

La più grande banca dell’Africa dice stop al finanziamento di nuove centrali a carbone

Carbone

Dal 2026 in poi, FirstRand non fornirà più nemmeno finanziamenti diretti per i progetti alle nuove miniere di carbone

La più grande banca in Africa per capitalizzazione di mercato, FirstRand Limited, non finanzierà più nuove centrali elettriche a carbone. Lo ha affermato lo stesso istituto aggiornando la sua policy su energia e combustibili fossili.

DAL 2026 NEMMENO FINANZIAMENTI PER LE MINIERE DI CARBONE

Dal 2026 in poi, FirstRand, con sede in Sudafrica, non fornirà più nemmeno finanziamenti diretti per i progetti alle nuove miniere di carbone, ha affermato la banca, e ciò a causa della pressione degli investitori e della società che sta crescendo sul settore bancario di tutto il mondo per ripensare al finanziamento dei combustibili fossili.

DAL 2050 TARGET È AZZERAMENTO EMISSIONI OPERATIVE E FINANZIATE

FirstRand si è anche impegnata nella sua nuova politica climatica a ridurre ulteriormente il tetto alla sua esposizione al carbone, dall’1,5% all’1% dei progressi totali dal 2030 in poi. “L’ambizione a lungo termine di FirstRand è di azzerare entro il 2050 le emissioni operative e finanziate (cioè le emissioni di ambito 1, 2 e 3)”, ha affermato la banca in una nota. Il carbone è ancora una delle principali fonti di produzione di elettricità del Sudafrica. Il paese esporta anche molto carbone ed è il quinto esportatore di carbone al mondo.

IL GIRO DI VITE DELLE BANCHE MONDIALI

Ma le banche di tutto il mondo hanno annunciato negli ultimi anni restrizioni al loro finanziamento non solo per i progetti sul carbone, ma anche per alcune forme di estrazione di petrolio e gas, a causa della crescente pressione degli investitori a evitare i combustibili fossili.

L’anno scorso, ad esempio, Deutsche Bank ha interrotto con effetto immediato i finanziamenti per nuovi progetti di petrolio e gas nelle sabbie bituminose e nella regione artica.

Negli Stati Uniti, Goldman Sachs ha dichiarato nel dicembre 2019 che avrebbe rifiutato di finanziare nuove esplorazioni e produzioni petrolifere nell’Artico e lo sviluppo di nuove miniere di carbone termico o miniere a cielo aperto. Wells Fargo e JPMorgan lo stesso, hanno affermato che smetteranno di finanziare nuovi progetti di petrolio e gas nell’Artico.

Anche la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) ha dichiarato quest’estate che non investirà più nell’esplorazione e nella produzione di petrolio e gas.

Back To Top