Scenari

La Turchia cerca Gnl a buon mercato per abbassare i prezzi

gnl

Il viceministro Bayraktar ha affermato che i colloqui in corso sul Gnl includono discussioni sui contratti del settore privato, ma non ha fornito ulteriori dettagli.

La Turchia sta cercando disponibilità Gnl spot a buon mercato per persuadere i fornitori di gas a lungo termine a ridurre i loro prezzi nel corso dei colloqui di rinnovo dei contratto attualmente in corso. Lo ha riferito S&P Global Platts citando le dichiarazioni del vice ministro dell’energia Alparslan Bayraktar.

QUANDO SCADRANNO I CONTRATTI

Tre contratti di importazione di gas in Turchia – per una fornitura totale di 15,9 miliardi di metri cubi / anno – scadranno tra il 2021 e il 2022 e Bayraktar ha dichiarato che sono in corso colloqui per il loro rinnovo. “La disponibilità di Gnl spot a buon mercato e la caduta della domanda di gas è un segnale per i nostri fornitori che devono essere flessibili”, ha detto Bayraktar in una conferenza a Istanbul. “I colloqui stanno andando molto bene. Stiamo godendo dei vantaggi del Gnl a buon mercato”, ha detto.

GLI ACCORDI TURCHI

Gli accordi comprendono: un contratto di 15 anni con l’Azerbaigian per 6,6 miliardi di metri cubi / anno che scade nell’aprile 2021; un contratto di 25 anni con la Nigeria per 1,3 miliardi di metri cubi / anno di Gnl; e un contratto per 8 miliardi di metri cubi / anno con la Russia, firmato nel 1998, che si concluderà alla fine del 2021.

Il terzo contratto russo è stato oggetto di un’offerta di trasferimento di volume che ha visto i contratti per un totale di 4 miliardi di metri cubi / anno trasferiti a quattro società turche: Avrasya Gaz (0,5 miliardi di metri cubi / anno), Shell Enerji Turchia (0,25 miliardi di metri cubi / anno), Bosphorus Gaz ( 0,75 mld m3 / anno) ed Enerco (2,5 mld m3 / anno). Questi ultimi scadono da febbraio a dicembre 2022, mentre il contratto per i restanti 4 miliardi di metri cubi / anno con Botas si esaurisce nel dicembre 2021.

Bayraktar ha affermato che i colloqui in corso includono discussioni sui contratti del settore privato, ma non ha fornito ulteriori dettagli. S&P Global Platts riferisce delle voci secondo cui i quattro importatori privati, insieme ad altre tre società in possesso di contratti di importazione di gas russo fino al 2035-2042, abbiano violato i loro contratti con Gazprom, non avendo rispettato gli accordi di assunzione o di pagamento per la maggior parte dei ultimi due anni.

RUOLO “PIÙ FLESSIBILE”

Bayraktar ha affermato che il gas ha ancora un ruolo importante da svolgere nel mix energetico della Turchia, ma dovrebbe svolgere un ruolo “più flessibile” in futuro. Secondo il viceministro gli operatori turchi della CCGT hanno sofferto molto negli ultimi due anni a causa degli alti prezzi del gas contrattualizzato.

Di fronte all’economia stagnante e alla grave svalutazione della Lira turca negli ultimi tre anni, il governo ha perseguito in modo aggressivo una politica di diversificazione dell’import gas e risorse interne per la produzione di energia. Ogni aumento di un punto percentuale del livello di produzione di energia da fonti rinnovabili consente di risparmiare fino a 100 milioni di dollari, ha affermato Bayraktar.

Tuttavia, parlando con i giornalisti, il viceministro ha affermato che alla fine la misura di quanto la Turchia diversificherà dipenderà dal prezzo praticato dai fornitori del paese. “Attualmente, il prezzo spot del GNL è inferiore al prezzo hub europeo”.

Alla fine dell’anno scorso Botas ha aperto due gare per l’importazione di un totale di 100 carichi di Gnl. Nel mese di ottobre, ha indetto una gara d’appalto per 70 carichi, da consegnare nel periodo 2020-2023, che si è chiusa l’8 novembre. A dicembre, la società ha aperto una seconda gara d’appalto per 30 carichi da consegnare da dicembre a marzo.

RITARDO NEGLI INVESTIMENTI

Parlando con S&P Global Platts ai margini della conferenza, una fonte industriale ha affermato che gli investimenti in nuove infrastrutture di gas in Turchia sono stati bloccati a causa dell’incertezza sui futuri prezzi del combustibile.

Le importazioni spot potrebbero essere effettuate tramite l’attuale gasdotto transbalkan, attualmente inutilizzato a seguito della messa in servizio del gasdotto russo TurkStream il mese scorso, ha detto la fonte.