Sostenibilità

Perché anche la CO2 può essere un’opportunità da 550 mld di dollari

CO2

I materiali da costruzione, i prodotti chimici, gli additivi del carbonio come i nanotubi e il grafene, i combustibili, i polimeri e le proteine sono i settori che potrebbero beneficiare dell’utilizzo di CO2

La CO2 è indubbiamente una nemica del pianeta, qualcosa da eliminare piuttosto che da utilizzare perché, lo sappiamo, produce il surriscaldamento dell’atmosfera terrestre e di conseguenza, i cambiamenti climatici. Eppure può trasformarsi anche in un’opportunità perché oltre ad essere un elemento essenziale per la fotosintesi e come tale un elemento essenziale per tutta la vita organica del pianeta, il carbonio ha molti altri usi. Sono questi usi che stanno aprendo un’opportunità che potrebbe svilupparsi in un mercato da 550 miliardi di dollari entro il 2040, secondo Lux Research.

LE SEI AREE IN CUI LA CO2 È IMPORTANTE

In particolare, sono state individuate sei aree in cui viene l’anidride carbonica può essere utilizzata e ciascuna è un’area di potenziale crescita per la sostanza chimica. I materiali da costruzione, i prodotti chimici, gli additivi del carbonio come i nanotubi e il grafene, i combustibili, i polimeri e le proteine sono i settori che potrebbero beneficiare dell’utilizzo di CO2.

SETTORI MATERIALI DA COSTRUZIONE IN PRIMA LINEA

La crescita maggiore verrebbe dal settore dei materiali da costruzione, secondo Lux. Questo settore rappresenterebbe fino all’86% del mercato dell’utilizzo totale del carbonio, non da ultimo perché sarebbe facile aumentare l’utilizzo della CO2 nella produzione di materiali da costruzione come il cemento o il calcestruzzo polimerizzato mediante iniezione diretta di CO2. L’unica sfida, in realtà, sono i vincoli normativi dell’uso più ampio di CO2 nell’industria, che i ricercatori si aspettano di alleviare dopo il 2030.

La produzione di combustibili, additivi e prodotti chimici è naturalmente un’altra area di crescita. La tecnologia disponibile per trasformare l’anidride carbonica in un combustibile idrocarburico liquido, è una direzione promettente per utilizzare il gas serra. Ci sono molte promesse anche nel grafene – che di fatto non è altro che è uno strato di atomi di carbonio – anche se devono ancora concretizzarsi.

SERVONO SUPPORTO NORMATIVO E INNOVAZIONE TECNOLOGICA

In questi ambiti però, secondo Lux, servono supporto normativo e innovazione tecnologica. Il primo non dovrebbe essere un problema poiché i combustibili derivati dall’anidride carbonica ridurranno efficacemente la domanda mondiale di petrolio. L’innovazione, dovrebbe facilmente ottenere il sostegno di investitori di vario genere poiché l’obiettivo finale dell’utilizzo del carbonio è rimuovere il carbonio dall’atmosfera, un obiettivo in linea con l’agenda ambientale.

PRIMA DI TUTTO OCCORRE CATTURARE LA CO2

Ma per utilizzare l’anidride carbonica, è necessario prima di tutto catturarla. Ci sono tre punti lungo la vita della CO2 in cui questo può essere fatto: prima della combustione, dopo la combustione – basti pensare alle centrali elettriche a carbone con sistemi di cattura – e direttamente dall’atmosfera.

L’idea della cattura diretta dell’aria è molto interessante: se potessimo semplicemente aspirare la CO2 che sta intrappolando il calore dal Sole nella nostra atmosfera, risolveremmo tutti i nostri problemi climatici. In effetti questo è già stato proposto: basta costruire molte macchine per la cattura diretta dell’aria e iniziare ad aspirare. Solo che è estremamente costoso e le proposte di lotta al cambiamento climatico già pesano per trilioni di dollari sull’economia mondiale negli anni a venire.

Anche la cattura del carbonio post-combustione è piuttosto costosa e deve diventare più economica per raggiungere la fase di adozione di massa. Esistono progetti separati, tuttavia, come la tecnologia di Ur One Inc. per catturare l’anidride carbonica dai gas di combustione a un costo di circa 5 dollari per tonnellata per trasformarla in carbonio solido che consente poi di guadagnare cifre a tre zeri per 100 grammi. La tecnologia è ancora in fase di laboratorio, ma potrebbe essere una delle tecnologie di cattura del carbonio del futuro.

DA ELON MUSK PREMIO DA 100 MLN DI DOLLARI A CHI RISOLVERA’ IL PROBLEMA DELLA CO2

Elon Musk ha recentemente messo in palio un premio di 100 milioni di dollari a chiunque proponga una soluzione al problema mondiale dell’anidride carbonica. L’acquisizione è certamente parte della soluzione, ma lo stoccaggio potrebbe non essere la fase successiva migliore, né la più sostenibile. Invece, l’utilizzo del gas potrebbe – e dovrebbe – diventare la priorità.

Lux prevede che la domanda globale di carbonio sia in aumento e rimarrà a ritmi alti grazie alla crescente domanda di urea, uno dei fertilizzanti artificiali e additivi per mangimi animali più utilizzati. Ma è soprattutto l’industria dei materiali da costruzione a essere matura per un maggiore utilizzo di CO2: la CO2 può essere trasformata in forma solida e utilizzata come aggregato cementizio (gli aggregati sono varie forme di particolato che costituiscono la maggior parte del calcestruzzo). Può anche essere iniettata nel calcestruzzo umido per accelerare la stagionatura.

I COMBUSTIBILI SINTETICI

L’altro grande mercato in crescita per l’utilizzo della CO2 sono i combustibili sintetici. Purtroppo, questo mercato, pur in crescita, richiederà un po’ di tempo per svilupparsi. Porsche ha recentemente dichiarato che sta investendo 24 milioni di dollari in quelli che vengono comunemente chiamati e-fuel, per sostituire gli idrocarburi usati normalmente nei motori a combustione interna. Gli e-fuel combinano idrogeno e CO2, ma per essere a basse emissioni il più possibile, l’idrogeno deve essere prodotto attraverso l’elettrolisi utilizzando l’energia solare o eolica. Questa, al momento. è ancora una tecnologia costosa, che rende troppo costosi anche i combustibili sintetici.

Tuttavia, secondo i ricercatori Lux, con la giusta quantità di supporto normativo e il massiccio sostegno dell’industria aeronautica – un enorme consumatore di carburante anche se al momento in grosse difficoltà – le cose possono cambiare. E l’anidride carbonica potrebbe avere presto un posto nell’economia a basse emissioni del futuro.