skip to Main Content

Perché gli investimenti in compensazioni di CO2 devono tradursi in tagli reali e verificabili. Il report Oies

CO2

Nel caso del mercato relativamente nuovo del GNL ‘carbon-neutral’, la mancanza di una chiara definizione di ciò che costituisce la neutralità rispetto alla CO2 e l’assenza di standard accettati su come misurare, monitorare e verificare le emissioni di gas serra del ciclo di vita sollevano preoccupazioni

Gli impegni nazionali per tagliare le emissioni di gas serra sono attualmente molto al di sotto di ciò che sarebbe necessario per raggiungere gli obiettivi previsti dell’Accordo di Parigi del 2015 di limitare il riscaldamento globale a 1,5 o al massimo a 2 gradi. É quanto emerge da un’analisi dell’Oxford Institute of Energy Studies.

Tuttavia, raggiungere questo obiettivo richiederà una riduzione stimata del 45% delle emissioni globali entro il 2030, raggiungendo le emissioni nette-zero entro il 2050 con un declino costante oltre tale data. In risposta a questo imperativo, le aziende di ogni settore economico, insieme ai governi nazionali e regionali, alle città, alle università e agli investitori, stanno prendendo i loro impegni per raggiungere le emissioni nette-zero.

I MERCATI DI COMPENSAZIONE DELLA CO2 IN FORTE ASCESA

“Delle 1.500 aziende che si sono impegnate allo zero netto, si può supporre che un numero sostanziale stia considerando l’acquisto di compensazioni di carbonio per almeno una parte dei loro obiettivi di riduzione delle emissioni. Questo è coerente con l’aumento della domanda di compensazioni di carbonio volontarie. Dal primo progetto di compensazione del carbonio nel 1989, i mercati globali per le compensazioni di CO2 sono valutati a più di 5 miliardi di dollari all’anno, raddoppiando ogni anno dal 2018, e si prevede che aumenteranno fino a un fattore 15 o più entro il 2030, dato che le aziende e i paesi hanno fissato obiettivi ambiziosi per le emissioni nette di CO2.

LE CRITICHE ALLE COMPENSAZIONI

In parallelo, le compensazioni di CO2 stanno attirando un controllo su di loro un sempre più elevato per il loro ruolo nel raggiungimento degli obiettivi climatici. Se da un lato ci sono stati notevoli progressi nella definizione di standard per rigorosi protocolli di monitoraggio, verifica e reporting, dall’altro lato è da registrare anche un legittimo dibattito sul ruolo e l’efficacia delle compensazioni nel raggiungimento degli obiettivi basati sulla scienza. Per esempio, le compensazioni sono state criticate perché non forniscono benefici climatici e ambientali, o perché forniscono alle aziende un modo relativamente economico per raggiungere gli obiettivi “net-zero”, sostituendo e probabilmente disincentivando gli investimenti fondamentali in efficienza operativa, energia rinnovabile, innovazioni tecnologiche, o approvvigionamento di input a bassa emissione di carbonio nelle catene di fornitura.

LE CONCLUSIONI DEL REPORT

“La continua crescita del mercato volontario del carbonio e la domanda di compensazioni di qualità superiore e di maggiori sta catalizzando lo sviluppo di nuovi mercati e strumenti che stanno migliorando la trasparenza, la liquidità, la determinazione del prezzo e le opportunità di gestione del rischio – sottolinea il report Oies -. Tuttavia, questi mercati devono ancora affrontare delle sfide. Diverse ONG hanno sollevato la preoccupazione che lo sviluppo di scambi e di nuovi strumenti negoziati possa fornire alle aziende la possibilità di scambiare compensazioni di qualità inferiore. Nel caso del mercato relativamente nuovo del GNL ‘carbon-neutral’, la mancanza di una chiara definizione di ciò che costituisce la neutralità rispetto al carbonio e l’assenza di standard accettati su come misurare, monitorare e verificare le emissioni di gas serra del ciclo di vita sollevano preoccupazioni”.

Fondamentalmente, ha osservato il report “gli acquirenti di compensazioni hanno bisogno di affrontare le preoccupazioni che si stanno impegnando nel ‘greenwashing’ mentre si sottraggono alle loro responsabilità di ridurre direttamente le emissioni all’interno le loro operazioni e catene di fornitura. Negli ultimi tre decenni, la creazione e la continua evoluzione dei mercati di compensazione del carbonio ha comportato un impegno massiccio da parte di migliaia di scienziati, regolatori, investitori, operatori di progetti altri, affrontando una vasta gamma di sfide finanziarie, tecniche e politiche. Questi sforzi devono essere accelerati per assicurare che gli investimenti in compensazioni di carbonio si traducano in riduzioni reali e verificabili delle emissioni e aiutino efficacemente a raggiungere gli obiettivi basati sulla scienza”.

Back To Top