Fact checking e fake news

Il Presidente Anci rettifica il delegato energia

Dopo che il delegato energia dell’Anci si è espresso contro il gas come fonte di transizione energetica in audizione al Senato, il Presidente dell’Associazione dei Comuni Italiani ha chiarito la posizione sulla metanizzazione delle aree del nostro Paese

Energia Oltre vi ha raccontato dell’audizione tenuta ieri al Senato in commissione Industria durante la quale l’Anci, attraverso il delegato nazionale per energia e rifiuti e Sindaco di Melpignano Ivan Stomeo, si è espressa contro il gas come fonte di transizione.

Dopo le sue parole abbiamo fatto appello all’Associazione dei Comuni Italiani e a tutti gli 8mila Sindaci che rappresenta, chiedendo se quella espressa dal delegato salentino fosse la posizione di tutti i sindaci d’Italia.

A stretto giro arriva il chiarimento del Presidente del Consiglio Nazionale dell’Anci Enzo Bianco: “Come presidente del Consiglio nazionale dell’Anci, per evitare eventuali interpretazioni fuorvianti rispetto alla posizione dell’Associazione sulla metanizzazione delle aree del nostro Paese, mi preme specificare che quanto espresso dal delegato Energia e Rifiuti nell’audizione di martedì davanti alla commissione Industria del Senato è riferito alle criticità della Strategia energetica nazionale, ma non attiene alla necessità di liberalizzare il settore del gas naturale in ambito locale, strategia che vede l’Anci in prima linea per tutelare amministrazioni e cittadini e per garantire un servizio accessibile, efficace ed efficiente con tariffe sostenibili anche per le fasce sociali più deboli. Peraltro gli adempimenti connessi alla metanizzazione locale attraverso le gare, sono inseriti nel contesto degli obblighi comunitari sulla concorrenza ed apertura del mercato. Sulla Sen invece, come giustamente rappresentato dallo stesso Delegato nel corso dell’audizione, la discussione è in corso nella commissione Ambiente dell’Anci”.

A questo punto sarà interessante vedere se anche in commissione Ambiente il delegato dell’Anci sarà il Sindaco del Salento, se anche in quella sede verrà riportato che il gas, fonte di transizione per definizione, viene osteggiato da tutti i Comuni Italiani in quanto fonte fossile, e se tutti i Sindaci d’Italia reputano ancora opportuno farsi rappresentare con delega nazionale energia, e portavoce della volontà di tutti i Comuni sulla strategia energetica nazionale, da un sindaco No Tap.