Energie del futuro

Russia: in funzione l’impianto GNL su penisola Jamal

Yamal LNG

È entrato in servizio venerdì l’impianto di produzione di gas liquefatto sulla penisola di Jamal, 2.500 km a est di Mosca, a nord del Circolo Polare Artico; da qui saranno immesse sul mercato globale 5,5 milioni di tonnellate di GNL all’anno

 

Centinaia di lavoratori hanno fatto il giro nel porto di Sabetta per anni, volando con elicotteri dalla terraferma, sperando che la natura aspra gli permettesse di atterrare. Ora hanno finalmente completato il loro lavoro: il progetto di gas naturale liquefatto “Jamal LNG”, guidato dalla società privata russa di gas Novatek, ha iniziato ad essere operativo con la prima delle sue tre linee di produzione: venerdì scorso, il primo rompighiaccio è stato caricato con GPL. Ogni anno verranno lanciate sul mercato mondiale 5,5 milioni di tonnellate, spedite in Asia attraverso il difficile passaggio a nord-est, dove in inverno il ghiaccio può superare i due metri di spessore.

Yamal LNGPer la produzione globale di gas, è un evento importante: Novatek è la prima compagnia al mondo a costruire un terminale GNL a nord del circolo polare artico, dove il termometro può scendere sotto i -50 gradi Celsius in inverno.
Inoltre, per la prima volta in assoluto, un concorrente privato sta combattendo il colosso del gas governativo Gazprom. Anche se per ora, la competizione è limitata al settore GPL, ciò equivale a un cambio di paradigma nel business del gas russo: Gazprom ha sorpassato la tendenza globale verso il gas liquefatto, limitandosi quasi esclusivamente alle esportazioni, che anche il presidente Vladimir Putin ha criticato, rinviando ripetutamente altri progetti soprattutto perché la svalutazione del rublo negli ultimi anni ha reso la costruzione delle strutture estremamente costosa.

Novatek è ambizioso al confronto. Ciò è dovuto principalmente al previdente imprenditore e CEO Leonid Mikhelson, che è riuscito non solo a iniziare il lancio della produzione di GNL in modo tempestivo, ma anche a superare i costi di investimento previsti, contrariamente all’industria. Il 62enne, proprietario di un quarto di Novatek ed azionista principale del più grande gruppo petrolchimico del paese, ha avuto l’idea di affidarsi alla Cina insieme agli europei e il suo gruppo petrolchimico Sibur si è già legato all’oriente, in particolare con il gruppo energetico cinese Sinopec che si è unito come azionista. Anche per Jamal LNG Michelson ha portato i cinesi e gli europei a bordo: la compagnia energetica CNPC detiene il 20% delle azioni e i fondi Silk Road hanno una parte del finanziamento, il 9,9%; il resto appartiene alla compagnia energetica francese Total.

Yamal LNGIl CEO di Novatek sta già lavorando a un secondo progetto GNL chiamato “Arctic LNG 2”, che alla fine porterà 18 milioni di tonnellate di GPL sul mercato e il lancio nel 2023, ha detto Mikhelson venerdì. Sarebbe più di quanto Jamal LNG consegnerà un giorno: con la piena operatività di tutte e tre le linee dal 2019, un totale di 16,5 milioni di tonnellate di GPL saranno spedite sul mercato mondiale. Una quarta linea è pianificata ed è – come ha dichiarato Putin venerdì – controllata affinché l’implementazione dell’impianto sia svolta esclusivamente usando solo la tecnologia locale.

L’entusiasmo con cui Novatek sta portando avanti i suoi piani è spiegato dal desiderio della Russia di tenere il passo con la concorrenza tra i sempre nuovi produttori di GNL, in particolare con gli Stati Uniti, considerati gli avversari della Russia, i quali vogliono ridurre la quota di mercato di Gazprom in Europa con le loro esportazioni di GNL, motivo per cui vogliono impedire lo sviluppo del gasdotto Mar Baltico Nord Stream con una nuova legge sulle sanzioni. Tuttavia, Gazprom dovrà guidare la lotta diretta contro l’esportatore principale degli Stati Uniti, Cheniere, in Europa per il momento. Per ora, il Yamal-LNG di Novatek non punta al mercato europeo, come voleva il Cremlino, e non a fare pressione su Gazprom dalla parte russa.