skip to Main Content

Shell investe nell’eolico galleggiante nel mare Celtico

Shell

Shell è entrata nel mercato dell’eolico offshore nel 2000 e possiede progetti in fase di sviluppo per 6 GW di capacità

La compagnia energetica nederlandese Royal Dutch Shell, nota principalmente per le sue attività nel comparto del petrolio e del gas, ha acquistato una quota del 51 per cento in un progetto irlandese per lo sviluppo di un parco eolico galleggiante nel mare Celtico.

UN PROGETTO DA 300 MW

Non è stato diffuso il valore dell’accordo, stretto tra Shell e Simply Blue Energy, azienda specializzata in progetti eolici offshore. Il nome del parco è Emerald e avrà una capacità iniziale di 300 megawatt, potenzialmente espandibili fino a 1 gigawatt.

LA STRATEGIA DI SHELL A BASSE EMISSIONI

Nel 2018 Shell ha venduto i suoi asset legati alla fase upstream del petrolio e del gas. La nuova acquisizione si inserisce in una serie di investimenti in progetti energetici rinnovabili o a basse emissioni di carbonio che aiuteranno l’azienda – questa è la strategia – a raggiungere gli obiettivi climatici che si è imposta l’anno scorso.

Shell è entrata nel mercato dell’eolico offshore nel 2000 e possiede progetti in fase di sviluppo per oltre 6 GW di capacità. Gli impianti si trovano principalmente nei Paesi Bassi e negli Stati Uniti.

Questa settimana Shell ha annunciato l’acquisto di ubitricity, la società che possiede la più grande rete di ricarica pubblica per veicoli elettrici del Regno Unito; all’inizio del mese ha investito in un impianto waste-to-fuels (per la produzione di combustibile dai rifiuti) in Canada.

Collin Crooks, vicepresidente dell’unità di Shell dedicata all’eolico offshore, ha detto per l’appunto che il progetto Emerald “fornirà energia verde ai consumatori e alle imprese e contribuirà all’ambizione di Shell di essere un’azienda a zero emissioni nette entro il 2050, o prima”.

GLI OBIETTIVI DELL’IRLANDA

L’amministratore delegato di Simply Blue Energy, Sam Roch-Perks, ha invece dichiarato che il progetto aiuterà il governo dell’Irlanda a raggiungere i suoi obiettivi climatici, che prevedono una capacità eolica offshore di 5 GW entro il 2030.

Marco Dell'Aguzzo

Giornalista, si occupa di esteri, energia e geopolitica, con un’attenzione particolare per il Messico e il Canada.

Scrive su “Energia Oltre”, oltre a collaborare con “IL – Il maschile del Sole 24 ORE”, “Aspenia online”, “Start Magazine” ed “eastwest”. A volte è ospite a Radio3 Mondo (Rai Radio 3).

Su Twitter è @marcodellaguzzo.

Back To Top