skip to Main Content

Tutta l’elettricità di Starace al Forum economico di Davos

Starace A Davos

Secondo il Ceo di Enel il gas va usato solo per le applicazioni necessarie. L’intervista dalla Svizzera alla Cnbc 

Oggi si compie il terzo mese dall’inizio della guerra russa in Ucraina. Un’invasione militare forse pianificata da settimane, con truppe ammassate ai confini del paese granaio d’Europa, ma inaspettata e certamente stravolgente. Sì, la guerra ha stravolto ogni equilibrio. Tra i maggiori, quello energetico.

I PIANI DI ROMA E BRUXELLES

Italia e Unione europea stanno spingendo per la strada dell’indipendenza delle forniture da Mosca. Ieri sono arrivati i moniti di Bruxelles a Roma per la transizione e lo stop alle fonti fossili. Oggi, Baku ha confermato dal Forum economico di Davos la disponibilità ad aumentare i flussi verso il Vecchio Continente. Ormai è noto: si viaggia sul continuo contrasto tra le soluzioni lampo per reagire ai ricatti di Putin sul gas focalizzate su nuovi partner e le strategie per la transizione energetica al 2030. Tema che sarà al centro del prossimo G7 del settore.

STARACE (ENEL): USARE IL GAS SOLO PER IL NECESSARIO

E sempre dalla Svizzera, l’ad di Enel Francesco Starace ha parlato con la testata americana CNBC News. Ripensando all’errore di legarsi troppo alla Russia in termini di forniture, il Ceo italiano ha detto che “bruciare gas per produrre elettricità è, oggi, stupido. Puoi produrre elettricità meglio, più economico, senza usare il gas. Che è una molecola preziosa e dovresti lasciarlo per applicazioni dove è necessario”, ha detto. “Questi usi industriali includono applicazioni chimiche, l’industria della carta e l’uso nella produzione di ceramica e vetro”. La strada c’è: “Smettere di usare il gas per il riscaldamento, smettere di usare il gas per generare elettricità quando ci sono alternative migliori”. Il riferimento è alle rinnovabili, all’eolico e al solare.

Secondo Starace, il cambiamento sta arrivando in Europa, dove l’UE ha dichiarato di voler essere carbon neutral entro il 2050. “Nel complesso penso che ci sarà una riduzione del consumo di gas in Europa su tutta la linea proveniente principalmente da quelli, come ho detto, usi ‘stupidi’”, ha detto. “Quindi bruciarlo per generare elettricità non è più intelligente, c’è un modo migliore”, ha detto. “Bruciarlo per riscaldare le nostre case non è intelligente, c’è un modo migliore”.

Enel ha un piano di decarbonizzazione al 2040, che per Starace si rende ancora più urgente con la crisi ucraina. Che ha sollevato un tema di sicurezza di approvvigionamenti evidente. “Quindi hai una combinazione di tre fattori, non due”. Le idee in casa Enel, insomma, sono chiare.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore