Come si muove Enel in Giappone

A seguito della gara vinta, l’azienda italiana arriva quasi a triplicare il proprio impianto virtuale sul mercato giapponese passando da 60 a 165 MW, pari a una quota di mercato del 17%, diventando maggior aggregatore di servizi di demand response in Giappone Enel X, la nuova società di servizi energetici innovativi del Gruppo Enel, si è aggiudicata, tramite la controllata statunitense di servizi di demand response EnerNOC, Inc., la fornitura di 165 MW di risorse per la gestione della domanda

Come e perché Mosca e Baghdad collaboreranno nel settore energia

Nuovi accordi per la cooperazione tra Mosca e Baghdad nel settore energia    Mosca e Baghdad hanno avviato le trattative per la partecipazione di aziende russe in progetti per l’energia in Iraq per il recupero delle centrali elettriche. Lo ha annunciato,  in un’intervista a Ria Novosti, l’ambasciatore russo in Iraq Maxim Maximov, ricordando anche come Russia ed Iraq abbiano già buoni rapporti per la cooperazione economica. Il diplomatico, ha anche ricordato che in Iraq già lavorano le principali compagnie petrolifere

Gas, quanto vale la nuova scoperta di Eni nell’offshore di Cipro

Eni ha scoperto una  estesa colonna mineralizzata a gas metano in rocce di età Miocenica e Cretacica nel Blocco 6 dell’Offshore di Cipro    Una nuova scoperta di gas nel Mediterraneo. Eni ha effettuato una scoperta a gas nel Blocco 6, nell’Offshore di Cipro, attraverso il pozzo Calypso 1. Il pozzo, perforato in 2.074 metri di profondità d’acqua e a una profondità totale di 3.827 metri, ha incontrato una estesa colonna mineralizzata a gas metano in rocce di età Miocenica e Cretacica.

Ue rinnova il sostegno finanziario a MedReg

Tra gli obiettivi del nuovo contratto aumentare l’efficienza delle imprese fornitrici di elettricità e gas, promuovendo al contempo rinnovabili e protezione dei consumatori Stimolare l’integrazione regionale, migliorare le condizioni per gli investimenti nelle infrastrutture e aumentare l’efficienza delle imprese fornitrici di elettricità e gas, promuovendo al contempo le rinnovabili, la protezione dei consumatori e gli aspetti normativi. È il nuovo piano d’azione varato dai regolatori dell’energia dei paesi del Mediterraneo (MedReg), all’interno delle attività previste per il biennio 2018-2019 inserite

Gas e petrolio sugli scudi nel 2040: forniranno 55% fabbisogno mondiale

Sono le previsioni di ExxonMobil contenute nel suo “Energy & Carbon Summary: Positioning for a Lower-Carbon Future e Outlook for Energy: A View to 2040” Tutte le fonti di energia rimarranno importanti da qui fino al 2040. Ma a causa della domanda attuale e del declino dei giacimenti di idrocarburi naturali, saranno necessari miliardi di dollari di investimenti ulteriori nella produzione di petrolio e gas anche in uno scenario di contenimento dell’innalzamento globale delle temperature entro i 2 gradi centigradi.

Enel vende quota di minoranza in due impianti eolici in Canada

Firmato un accordo con AIMCo a cui cederà il 49% degli parchi eolici di Riverview (115 MW) e Castle Rock Ridge (30,6 MW). L’azienda italiana costruirà comunque gli impianti e ne manterrà la gestione Enel, attraverso la controllata statunitense per le rinnovabili Enel Green Power North America ha firmato un accordo di partnership con la Alberta Investment Management Corporation (“AIMCo”), a cui venderà il 49% delle azioni dei due parchi eolici Riverview (115 MW) e Fase 2 di Castle Rock

Gas, al via collaborazione tra operatori infrastrutture del Mediterraneo

La collaborazione è orientata ad un ulteriore sviluppo infrastrutturale dell’aria  Gli operatori di infrastrutture del gas naturale di 12 paesi del bacino del Mediterraneo si sono riuniti per la prima volta per avviare un dialogo sul settore e le sue prospettive di sviluppo nella regione. L’incontro, tenutosi a Milano, ha avviato un processo di cooperazione orientato a un ulteriore sviluppo infrastrutturale in un’area di crescente rilievo strategico ai fini della sicurezza degli approvvigionamenti nonché del fondamentale ruolo del gas per

Clima, via libera a norme Ue per ridurre emissioni Co2 e finanziare innovazione

La legge mira a prevenire la “rilocalizzazione delle emissioni di carbonio”, ossia il rischio che le imprese possano delocalizzare la produzione al di fuori dell’Europa, in paesi con regole meno stringenti Meno permessi di emettere CO2 disponibili per incoraggiare gli investimenti a basse emissioni e due nuovi fondi che sosterranno l’innovazione e la transizione evitando le delocalizzazioni. Sono queste alcune delle novità contenute nel provvedimento approvato dal Parlamento europeo con 535 voti favorevoli, 104 voti contrari e 39 astensioni, che

Turchia-Egitto, guerra per lo sfruttamento di gas e petrolio

Si inasprisce il conflitto Egitto-Turchia su confini elle campagne esplorative per lo sfruttamento di gas e petrolio nel Mediterraneo   Il Mediterraneo orientale sarà certamente una delle zone più importanti per la produzione di gas nel prossimo futuro. Ma anche una zona al centro di aspri conflitti di interesse, in cui Egitto, Cipro e Turchia si contendono i confini delle campagne esplorative per lo sfruttamento di gas e petrolio.  Proprio nei giorni scorsi, il ministro degli Esteri turco, Mouloud Jawish Oglu, sosteneva

Bollette luce più care? Pesano energivori e oneri di sistema

Soprattutto gli oneri di sistema, raccolti dalla Cassa per i servizi energetici e ambientali (Csea), tra il 2011 e 2017, al netto degli aumenti 2018, sono lievitati di oltre il 95%. Ciò mentre i prezzi della materia prima scendevano dell’1,7% e i prezzi della bolletta salivano di oltre il 21% A luglio partirà il portale web per la comparazione delle offerte di luce e gas dell’Autorità per l’Energia (la Arera, Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente secondo la

I big dell’Oil&Gas in corsa per comprare fotovoltaico Rtr

Eni, ENel, Bp ed Erg, tra le altre, si sfideranno nella maxi-gara per l’acquisizione degli asset fotovoltaici del gruppo Rtr Rete Rinnovabile   Il private equity internazionale Terra Firma vende gli asset fotovoltaici italiani, confluiti nel gruppo Rtr Rete Rinnovabile: il settore dell’energia verde si prepara dunque ad assistere a quella che potrebbe essere definita una delle maggiori cessioni europee degli ultimi anni. Ci sono già, almeno secondo le prime indiscrezioni, i primi potenziali clienti. A voler aggiudicarsi gli asset sarebbero

Bei approva prestito da 1,5 mld di euro per il gasdotto Tap

Il Trans-Adriatic Pipeline è la parte finale del Corridoio meridionale del gas destinato a portare fino a 10 miliardi di metri cubi di gas dal gigantesco giacimento azero di Shah Deniz 2 all’Italia entro il 2020 La Banca europea per gli investimenti (Bei) ha approvato un prestito da 1,5 miliardi di euro per il gasdotto Trans-Adriatic Pipeline (Tap), un’infrastruttura pensata per garantire nuove forniture di gas all’Europa e ridurre la dipendenza dalla Russia. È quanto ha riferito un portavoce della

Eolico offshore, un 2017 da record

Eolico in mare da record nel 2017, con più 3,2 GW installati. E’ la Gran Bretagna la prima della classe   L’eolico europeo alla conquista dei mari. Nel corso del 2017 sono stai allacciati alla rete elettrica 17 nuovi impianti offshore, grazie soprattutto agli investimenti che arrivano da Gran Bretagna e Germania. L’energia pulita non è più una moda, ma un obiettivo da raggiungere e perseguire per dire addio al carbone. L’energia del vento, in mare, in base ai numeri

Via libera accordo Giordania-Iraq su una doppia pipeline per gas e petrolio

Le condutture si snoderanno tra la città irachena di Basra e il porto di Aqaba per 1.680 km. L’accordo quadro dovrebbe essere firmato a breve tra i ministeri del Petrolio e dell’Energia dei due paesi La Giordania ha dato il via libera un accordo con l’Iraq per la costruzione di una doppia conduttura per il trasporto di petrolio e gas dalla città irachena di Basra al porto di Aqaba che contribuirà a soddisfare il fabbisogno energetico della Giordania e a

Gas, Gazprom vuole incrementare la partecipazione nei gasdotti serbi

La South Stream Serbia AG fondata dai due paesi per costruire l’ormai abbandonato progetto di gasdotto meridionale, potrebbe ora essere utilizzata per realizzare un collegamento con il Turkish Stream Il consiglio di amministrazione del gigante russo dell’energia Gazprom ha intenzione di considerare l’acquisto di una partecipazione supplementare nella società Juzni Tok Srbija (South Stream Serbia) AG. Lo ha rivelato l’agenzia Tass annunciando che il piano dovrebbe chiudersi il 13 febbraio. La South Stream Serbia AG è per il 51% di