Fact checking e fake news

Petrolio, Up: salgono i prezzi del greggio importati in Italia nel 2017 (+24,2%)

L’Italia si conferma ai vertici della classifica dei paesi dell’Area euro con i carburanti più tassati. La benzina più cara è in Olanda, il gasolio invece in Svezia, mentre il Gpl auto in Francia. Nei primi undici mesi 2017 il costo del greggio importato in Italia ha subito un aumento del 24,2% rispetto al 2016. È quanto rileva Unione petrolifera (Up) nel bollettino di aggiornamento mensile. Sempre nei primi undici mesi dello scorso anno sono aumentati dell’8,9% le importazioni di

Read More...

Fact checking e fake news

Reportage sul Tap: a Masseria del Capitano dove si curano gli ulivi

Siamo entrati nel vivaio dove vengono stoccati temporaneamente gli alberi in attesa del reimpianto per toccare con mano strutture e metodi adottati per salvaguardare le piante Scorri la gallery in alto Proseguono i lavori per la realizzazione del Trans adriatic pipeline (Tap) anche se non si placano le proteste di attivisti e cittadini. L’ultimo caso ha riguardato l’abbattimento, da parte della multinazionale che sta realizzazione l’approdo del gasdotto a Melendugno, di due ulivi colpiti da xylella dopo l’autorizzazione ottenuta dall’Osservatorio

Read More...

Fact checking e fake news

Masi (Politecnico di Milano): ecco perchè la Seveso non si applica a Tap

Parla Maurizio Masi, docente del Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica al Politecnico di Milano: “Il governatore pugliese sbaglia. Se avessi un terreno lì, darei subito il permesso per passare” Il gasdotto Tap non deve essere assoggettato alla direttiva Seveso sugli incidenti rilevanti. E’ stato ribadito da sentenze della magistratura amministrativa e ordinaria. Il governatore pugliese Michele Emiliano sbaglia nel contestare un’opera che ha il pregio di aiutare il nostro paese a diversificare le fonti di approvvigionamento energetico. È

Read More...

Fact checking e fake news

Addio maxi-bollette. Cosa cambia per il consumatore

Con l’addio alle maxi-bollette, i gestori non potranno più richiedere al consumatore somme che vadano al di là dei due anni precedenti l’emissione della bolletta. E non solo   La Manovra di Bilancio 2018 decreta l’addio alle fastidiose maxi-bollette. Copsa significa? In pratica, come spiega l’associazione Codici, per legge ,  nei contratti di forniture di acqua, gas e di energia elettrica il diritto al corrispettivo si prescriverà in due anni.  I gestori non potranno più richiedere al consumatore somme che vadano al

Read More...

Fact checking e fake news

La direttiva Seveso? Non si applica al Tap

Sulla querelle interviene Francesco Bruno, docente di Diritto ambientale alla Sapienza e all’università del Molise: non si sono motivi giuridici per mettere in discussione il progetto La direttiva Seveso in materia di prevenzione dei grandi rischi industriali non va applicata al gasdotto Trans Adriatic Pipeline (Tap) in corso di realizzazione in Puglia. Dopo le sentenze definitive della magistratura amministrativa e ordinaria – Tar Lazio, Consiglio di Stato e Tribunale di Lecce – che si sono espresse sulla questione a più

Read More...

Fact checking e fake news

Autorità per l’Energia: necessario separare Gse e Borsa elettrica

Secondo l’Authority è necessaria la separazione del Gse dalla Borsa elettrica, che si augura anche equidistanza dai soggetti operatori di mercato come Snam e Terna   Indipendenza del Gestore dei Mercati Energetici (il Gme), cioè la Borsa Elettrica, e di quella del gas dal Gse e dai gestori di sitistema come Snam e Terna: è questo quanto richiesto dall’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e i Servizi Idrici con la delibera 896 del 2017  (l’Autorità ha cambiato nome in Arera, diventando l’Autorità

Read More...

Fact checking e fake news

Puglia pensa a nuova tassa. Aumenti addizionali in benzina

I sindaci pugliesi vogliono una nuova tassa in Puglia: si chiamerà Irba, sarà integrata come accisa su benzine e derivati    La Puglia pensa ad una nuova tassa, sotto forma di addizionale alle accise su benzina e derivati. Si chiamerà Irba: imposta regionale sulla benzina per autotrazione, pensata per integrare i fondi erogati dal governo per mobilità e finanziare l’acquisto di nuovi bus extra e interurbani. Il Movimento 5 stelle considera questa imposta un provvedimento gravioso solo per le persone con un

Read More...