Territori

Occidental sbaraglia Chevron e conquista Anadarko

L’azienda leader nello shale oil del Permiano Usa candida l’azienda di Vicki Hollub a diventare una dei leader nella produzione di greggio

Read More...

Fact checking e fake news

Perchè la produzione shale di petrolio e gas diminuisce?

I nuovi pozzi di shale  gas e shale oil producono circa il 50% in meno dei vecchi: l’America costretta a rallentare

Read More...

Fact checking e fake news

I prezzi bassi del petrolio? Non sono l’unico problema per il Permiano

L’acqua sta cominciando a diventare una questione seria per chi perfora pozzi shale: per la sua scarsità nell’area ma anche per i costi del trattamento: il rapporto Morgan Stanley

Read More...

Scenari

Per quanto tempo il boom dello shale terrà a bada i mercati petroliferi?

Tornano a farsi sentire le preoccupazioni per gli approvvigionamenti. Con l’Eldorado Usa che si avvicina ai suoi limiti, il mondo si riscopre sempre più assetato di greggio Negli ultimi dieci anni il boom dello shale oil statunitense ha fatto passare in secondo piano qualsiasi preoccupazione circa eventuali carenze di petrolio a livello mondiale. L’attuale volatilità dei prezzi globali del greggio, aumentati del 15% dall’inizio dell’anno, indicano tuttavia che l’effetto calmante dello shale americano sta raggiungendo i suoi limiti, almeno secondo

Read More...

Territori

Il boom dello shale oil Usa comincia a raffreddarsi?

Il rallentamento della produzione dei nuovi pozzi potrebbe essere il sintomo che il Bacino del Permiano abbia un potenziale inferiore a quanto stimato finora L’industria statunitense dello shale oil sta rallentando per colpa delle sempre più stringenti sfide logistiche, il costo del lavoro, la mancanza di un’adeguata capacità delle pipeline. A suonare l’allarme sono stati gli amministratori delegati di alcune delle maggiori società di produzione e servizi petroliferi durante una conferenza alla Barclays a New York. I SEGNALI DEL RALLENTAMENTO

Read More...

Senza categoria

Usa, la produzione di shale oil è sotto le attese

Negli Stati Uniti la produzione di shale oil cresce ma a un ritmo giudicato troppo lento e l’Agenzia governativa è preoccupata. Secondo le previsioni diffuse dall’Agenzia americana per l’energia, si prevede un aumento della produzione di shale oil 93mila barili al giorno. Malgrado ciò, si tratta della più piccola crescita mensile dal novembre 2017, quando i prezzi del petrolio “made in Usa” erano più bassi di quelli attuali di circa il 20%. Le previsioni per agosto stimavano una crescita nettamente

Read More...

Territori

Il boom dello shale in Colorado? A rischio urne

Un’iniziativa legislativa che dovrebbe essere votata a novembre potrebbe mettere fuori gioco oltre metà del territorio dello Stato Per gli “shale drillers” del Colorado, il 2018 ha rappresentato un anno record per l’estrazione di petrolio e gas naturale. Ma potrebbe essere l’ultimo se dovesse passare una proposta normativa in ballottaggio a novembre. A RISCHIO DIVIETO TRIVELLAZIONI OLTRE METÀ DEL PAESE La proposta trae origine da un’esplosione di gas avvenuta lo scorso anno che ha portato ambientalisti e critici dell’industria dello

Read More...

Scenari

Cosa vuole fare l’Opec per mantenere stabile il mercato petrolifero

Le previsioni Opec sulla domanda mondiale 2018 sono in rialzo ma pesano le incognite di Iran e Venezuela ma anche dello shale oil Usa. Cosa dice il ministro russo Novak e quali sono le intenzioni dell’Arabia Saudita L’uscita degli Stati Uniti dagli accordi sul nucleare iraniano non preoccupa l’Opec per le possibili turbolenze sul mercato petrolifero mondiale. I paesi del cartello si sono già detti pronti, insieme ad altri produttori, a intervenire per alleviare le eventuali carenze che si dovessero

Read More...

Scenari

Petrolio, una nuova Opec per tagli alla produzione prolungati?

Si tratta solo di una ipotesi, anche se ci sarebbe già la bozza di accordo: Russia e Opec potrebbero dare vita ad una alleanza ventennale sul petrolio. Articolo di Giusy Caretto

Read More...

Scenari

Petrolio, perché gli Usa saranno protagonisti. Report Aie

Nel rapporto “Oil 2018” l’Agenzia internazionale per l’energia mette al primo posto la sicurezza energetica

Read More...

Efficienza energetica e innovazione

Tutti i piani della Giordania per crescere nelle rinnovabili

Il paese si classifica al primo posto invece in Medio Oriente e Nord Africa secondo quanto emerge da un rapporto di Bloomberg La Giordania si è classificata al primo posto in Medio Oriente e Nord Africa per la crescita delle energie rinnovabili e pulite, e terza su 71 paesi in tutto il mondo, dopo Cina e Brasile. È quanto emerge da un rapporto di Bloomberg. Nel corso di un incontro con il personale del ministero, il ministro dell’Energia e delle

Read More...

Scenari

Stop incomprensioni Russia-Arabia Saudita, sì a patto nell’energia

Asse Mosca-Riad nell’improbabile alleanza di fronte alla minaccia del boom degli shale americani. Nonostante le divergenze tra i due paesi su Siria e questioni geopolitiche Il ministro dell’Energia saudita Khalid al-Falih, il suo omologo Alexander Novak e il presidente russo Vladimir Putin si sono ritrovati faccia a faccia a Sabetta, nell’estremo nord della Russia a -30 gradi di temperatura. Come racconta il Financial Times le delegazioni dei due paesi hanno scelto il Circolo Polare Artico per gettare la spugna e

Read More...

Scenari

Prezzo del petrolio verso quota 80 dollari al barile nel 2018

È la previsione della banca d’affari Usa Citigroup. Tensioni geopolitiche, taglio della produzione Opec e sanzioni a Corea del Nord e Iran rischiano infatti di infiammare le quotazioni del greggio a livello mondiale che nel frattempo hanno già toccato i massimi dal dicembre 2014 Nel corso del 2018 il prezzo del petrolio potrebbe toccare quota 80 dollari al barile, complici le tensioni in Medio Oriente e il braccio di ferro tra il presidente americano Donald Trump e il leader nordcoreano

Read More...

Scenari

Per l’Opec si preannuncia un 2018 poco felice

Secondo l’Aie, l’effetto shale oil Usa dovrebbe portare un surplus sul mercato petrolifero, garantendo un equilibrio dei prezzi. In Italia i dati Up certificano un ulteriore consistente crescita del gas nel mix energetico 2017 Il 2018 potrebbe non essere così felice per i produttori di petrolio dell’Opec. Questa l’opinione dell’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) nell’ultimo bollettino dell’anno secondo cui i segnali provenienti dagli Stati Uniti, in termini di aumento di offerta petrolifera, potrebbero proseguire per tutto il 2018, con un

Read More...

Sostenibilità

L’eccesso di gas può fermare il boom dello shale oil Usa?

Per ora l’eccesso di offerta non sta producendo il temuto crollo del mercato. Secondo un recente rapporto della Columbia University questo sarebbe dovuto a una dozzina di paesi relativamente piccoli che sono spuntati all’orizzonte come consumatori di Gnl, liberando il mercato dall’eccesso di offerta   Il Texas occidentale sta vivendo un grande rilancio grazie all’industria dello shale oil. Il bacino Permiano si è rivelato particolarmente ricco di petrolio che tuttavia sta portando con sé problemi del tutto inaspettati causati dall’eccesso

Read More...