Energie del futuro

Gas, quanto vale la nuova scoperta di Eni nell’offshore di Cipro

Eni ha scoperto una  estesa colonna mineralizzata a gas metano in rocce di età Miocenica e Cretacica nel Blocco 6 dell’Offshore di Cipro    Una nuova scoperta di gas nel Mediterraneo. Eni ha effettuato una scoperta a gas nel Blocco 6, nell’Offshore di Cipro, attraverso il pozzo Calypso 1. Il pozzo, perforato in 2.074 metri di profondità d’acqua e a una profondità totale di 3.827 metri, ha incontrato una estesa colonna mineralizzata a gas metano in rocce di età Miocenica e Cretacica.

Read More...

Energie del futuro

Gas, al via collaborazione tra operatori infrastrutture del Mediterraneo

La collaborazione è orientata ad un ulteriore sviluppo infrastrutturale dell’aria  Gli operatori di infrastrutture del gas naturale di 12 paesi del bacino del Mediterraneo si sono riuniti per la prima volta per avviare un dialogo sul settore e le sue prospettive di sviluppo nella regione. L’incontro, tenutosi a Milano, ha avviato un processo di cooperazione orientato a un ulteriore sviluppo infrastrutturale in un’area di crescente rilievo strategico ai fini della sicurezza degli approvvigionamenti nonché del fondamentale ruolo del gas per

Read More...

Energie del futuro

Bei approva prestito da 1,5 mld di euro per il gasdotto Tap

Il Trans-Adriatic Pipeline è la parte finale del Corridoio meridionale del gas destinato a portare fino a 10 miliardi di metri cubi di gas dal gigantesco giacimento azero di Shah Deniz 2 all’Italia entro il 2020 La Banca europea per gli investimenti (Bei) ha approvato un prestito da 1,5 miliardi di euro per il gasdotto Trans-Adriatic Pipeline (Tap), un’infrastruttura pensata per garantire nuove forniture di gas all’Europa e ridurre la dipendenza dalla Russia. È quanto ha riferito un portavoce della

Read More...

Energie del futuro

Gas, Gazprom vuole incrementare la partecipazione nei gasdotti serbi

La South Stream Serbia AG fondata dai due paesi per costruire l’ormai abbandonato progetto di gasdotto meridionale, potrebbe ora essere utilizzata per realizzare un collegamento con il Turkish Stream Il consiglio di amministrazione del gigante russo dell’energia Gazprom ha intenzione di considerare l’acquisto di una partecipazione supplementare nella società Juzni Tok Srbija (South Stream Serbia) AG. Lo ha rivelato l’agenzia Tass annunciando che il piano dovrebbe chiudersi il 13 febbraio. La South Stream Serbia AG è per il 51% di

Read More...

Energie del futuro

In estate il primo gas azero in Turchia. Entro il 2020 in Europa

Nella fase iniziale, il gas prodotto da dallo sviluppo del giacimento di Shah Deniz 2 sarà la fonte principale di fornitura ma non sono escluse altre sorgenti che potranno collegarsi alla condotta in una fase successiva del progetto Le forniture di gas azero attraverso il cosiddetto Corridoio meridionale del gas, dovrebbero partire quest’estate. L’annuncio è arrivato direttamente dal vicepresidente per gli investimenti e il marketing della Socar, la società petrolifera statale dell’Azerbaigian, Vitaly Baylarbayov. Partito il primo “riempimento” delle condotte

Read More...

Energie del futuro

Gas, Alverà: ecco la strategia di Snam

Marco Alverà, ceo di Snam, ha presentato a Berlino il First Global Gas Report, realizzato in collaborazione con il BCG Center for Energy Impact   Investire nelle infrastrutture del gas, rafforzare le reti di trasporto e integrare sempre di più i mercati partendo da quelli europei, puntare sulle tecnologie per migliorare la sostenibilità del gas e decarbonizzare il settore nel lungo termine. È la strategia lanciata a Berlino dal Ceo di Snam Marco Alverà, che ha presentato nelle sale dell’Ambasciata italiana

Read More...

Energie del futuro

Interconnessioni e gasdotti per collegare domanda e offerta del Mediterraneo

È la conclusione a cui sono giunti regolatori dell’energia dei paesi dell’area (MedReg) nell’Outlook 2017. Regole chiare e riduzione dei rischi fondamentali per assicurare investimenti Sono necessarie interconnessioni elettriche e gasdotti per collegare domanda e offerta e promuovere lo scambio di energia. Ma, trattandosi di infrastrutture energetiche a forte intensità di capitale, sono necessarie regole chiare e di lungo termine per ridurre i rischi e garantire la remunerazione del capitale. È la conclusione a cui sono giunti i regolatori dell’energia

Read More...